Decisione n. 2 / 2017

Comunicato N. 2 del 13 novembre 2017

Corte Sportiva d'Appello

RICORRENTE AMICI MTB LESSONA ASD,   avverso la decisione del Giudice Sportivo Nazionale   del 11 Ottobre 2017  (gara  127500 del 1.10.17  -  La Prevostura)

 

 La Corte Sportiva d’Appello, riunita in camera di consiglio in data 11 Novembre 2017, formata dai seguenti componenti:

  Paolo PADOIN                                                  PRESIDENTE

  Francesco CONTI                                             COMPONENTE

  Alessandro MARRONE                                     COMPONENTE

  assisiti dal Sig.  Franco FANTINI (funzionario FCI) – Segretario

ha assunto la seguente decisione in merito al  ricorso depositato dalla Asd Amici MTB Lessona (cod. 01 G 1101)  avverso la decisione del Giudice Sportivo Nazionale  contenuta nel Comunicato n. 18  del 11 Ottobre 2017,  inerente la gara (cod. 127500) LA PREVOSTURA del 1 Ottobre 2017. 

 

In detto comunicato il Giudice Sportivo infliggeva l’ammenda di € 300,00 (Art. 35, parte B, del P.U.I.S) alla società organizzatrice Amici MTB Lessona ASD, per avere la stessa proceduto, al termine della manifestazione, ad assegnare maglie di campione regionale senza che “nel programma gara approvato dalla Struttura tecnica nazionale  ci fosse alcun riferimento che la gara fosse prova di Campionato Regionale”.

 

La decisione del GSN si basa su una segnalazione allegata al verbale della Giuria la quale segnalava il fatto, contestando sia la mancata indicazione della prova di campionato sul programma di gara che l’inesistenza nei regolamenti e nelle norme attuative del Settore Fuoristrada di un titolo (nazionale o regionale) per la specialità in questione (Point to Point).

 

Il ricorrente nel proprio reclamo chiede

  1. in via preliminare, che venga accertata l’incompetenza del Giudice Sportivo nazionale a decidere sulla questione, essendo la premiazione in questione conseguente allo svolgimento della gara regionale ID 141958, svoltasi in concomitanza con la gara nazionale, e pertanto di competenza del Giudice Sportivo Regionale Piemonte;
  2. nel merito ed in via principale di accertare che le maglie consegnate al termine della Gara regionale non erano relative al Campionato regionale Piemontese ma si riferivano al “Challenge di Coppa Piemonte MTB Gran Fondo” e per l’effetto revocare il comunicato del GSN       

 

A tale effetto la Corte,  avendo  accertato che tale premiazione era effettivamente conseguente allo svolgimento della gara regionale sopra citata e dunque, ai sensi dell’Art. 21 del Regolamento di Giustizia Sportiva, di competenza del Giudice Sportivo regionale, ritiene di dover rinviare la decisione nel merito al giudice competente e ciò sulla base dei principi generali dell’ordinamento giuridico e di quello sportivo (non essendovi nel Regolamento di Giustizia Sportiva alcuna norma che imponga l’obbligo del rinvio, nel caso della incompetenza).

 

P.Q.M.

 

La Corte Sportiva d’Appello accoglie il reclamo, annulla il provvedimento impugnato limitatamente al punto a), dichiara l’incompetenza del Giudice Sportivo nazionale  e rimette gli atti al Giudice Sportivo Regionale del Piemonte per la valutazione del merito della vicenda.

Si comunica alle parti interessate.

 

IL PRESIDENTE

Dott. Paolo PADOIN

 

data di pubblicazione: 13/11/2017