Decisione n. 2 / 2016

Comunicato N. 2 del 31 ottobre 2016

Corte Sportiva d'Appello

RICORRENTE A.S.D. CICLI ASSI FRIULI, avverso la decisione del Giudice Sportivo Regionale del 6 Ottobre 2016 (gara 124035 del 2.10.16 - 22° TROFEO ARTENI) con relative sanzioni.

La Corte Sportiva d’Appello, riunita in camera di consiglio in data 31 Ottobre 2016, formata dai seguenti componenti:

PAOLO PADOIN                                             PRESIDENTE

SAMUEL LORENZETTO                                 COMPONENTE

LUCA MENICHETTI                                        COMPONENTE

assisiti dal Sig.  FRANCO FANTINI (funzionario FCI) – Segretario

ha assunto la seguente decisione sul  ricorso depositato il  14 Ottobre 2016  dalla A.S.D. Cicli Assi Friuli (cod. 05 Q 0058)  avverso la decisione del Giudice Sportivo Regionale Friuli  contenuta nel Comunicato n. 24  del 6 Ottobre 2016  inerente la gara (cod. 124035) 22° TROFEO ARTENI -  del 2.10.2016. 

In detto comunicato si sanzionava la Società Organizzatrice  ASD Cicli Assi Friuli, per “non conformità della zona di arrivo alle necessità operative e di sicurezza – linea di arrivo non regolamentare, art. 1.5. All. 3 – R.T.A.A.”

La Società contesta l’addebito facendo notare che la gara si è svolta in una giornata di intense precipitazioni che rendevano impossibile fare aderire la fettuccia adesiva, normalmente utilizzata per la linea di arrivo, con possibile pericolo per i concorrenti e le moto del seguito. Per tale motivo l’organizzatore ha provveduto a tracciare la linea di arrivo con il gesso.  La società fa anche presente che l’arrivo si è svolto regolarmente, senza contestazioni e senza problemi di funzionamento del fotofinish.

La Corte  nel fissare la data della propria riunione ha dato regolare comunicazione della stessa alla società reclamante, che non si è presentata all’udienza.

Preso atto del tempestivo deposito del reclamo e considerata la propria competenza a decidere la Corte ritiene correttamente applicato il combinato disposto dei cui all’Art. 85 R.T.A.A. e Art. 1.5 Allegato 3 R.T.A.A.  (Deficienze organizzative di una  gara o mancata osservanza dei regolamenti federali, quando le carenze rilevate non comportino conseguenze di maggior gravità a giudizio del G.S.R.), con riferimento alla norma violata e alla relativa sanzione.

La Società reclamante, del resto, non contesta la corretta applicazione della norma suddetta quanto piuttosto oppone l’esistenza di cause di giustificazione che, a parere di questa Corte, non risultano sufficientemente provate dalla documentazione in atti.

Dall’unica foto depositata, ed in carenza di ulteriori elementi, si ricava proprio la conferma della situazione di fatto corrispondente alle norme violate.

 

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e dichiara incamerata la relativa tassa

 

Si comunica alle parti interessate.

 

Il Presidente

(Dott. Paolo PADOIN)