Juri Zanotti

Il bronzo europeo con la staffetta a Darfo Boario, poi il quarto posto ai Mondiali di Cairns. "Sono orgoglioso di me e di questa Italia, che ci crede sempre fino in fondo"

Juri Zanotti

Una medaglia europea di quelle belle, arrivata di gruppo. Quel gruppo che in ogni competizione appare unito più che mai, grazie ad un collante fondamentale: il CT Mirko Celestino. Juri Zanotti di quel bronzo con la staffetta, vinto a Darfo Boario, è veramente orgoglioso: "Sono arrivato davvero carico, abbiamo corso molto bene. Tanto che poteva essere un argento... Ho preso il testimone come nono, e sono riuscito a recuperare bene fino al terzo posto. E' stato pazzesco".

Ma Juri, quest'anno, ha scelto non di non fermarsi proprio più. E ai Mondiali di Cairns ha infatti sfiorato un'altra medaglia individuale, non riuscendo a posizionarsi sul terzo gradino del podio per uno "scarto" di soli quattro secondi. "Ma sono orgoglioso di me e di questa Italia, che ci crede fino in fondo. La fortuna oggi non ci ha aiutato, la medaglia era lì...". C'è tempo. D'altro canto, a recuperare, Zanotti è sempre stato bravissimo.

MEDAGLIA DI BRONZO

Campionato Europeo MTB (Darfo Boario) - Staffetta

Qui la sezione con tutti gli atleti premiati quest'anno.