CONVEGNO RICCIONE 2022

Premessa

Durante il convegno “La sicurezza nelle gare ciclistiche. Confronto fra Direttori di Corsa, Giudici di Gara e Stakeholders” tenutosi a Riccione nei giorni 25-26-27 novembre 2022, si è ribadito che la FCI deve avere un ruolo centrale nella politica di mobilità e sicurezza ciclistica.

Si è convenuto che, oltre alla mission principale della FCI - che è lo sviluppo dello sport agonistico -, c’è uno spazio da occupare per quanto concerne lo sviluppo del fenomeno della “bici” a tutto tondo (infrastrutture, manutenzione delle strade, definizione normativa, turismo in bici, ecc.).

Sul piano sportivo il convegno ha definito due pilastri su cui lavorare: rivendicare il diritto allo sport, a quel che deriva nell’utilizzare la strada in sicurezza, e far sì che la strada sia frequentata sempre in sicurezza da tutti.

*.*.*.*.*

Da queste premesse sono stati elaborati alcuni punti che tutto il comparto sicurezza, la CNDCS e le CRDCS condividono e che sottopongono alla valutazione della massima rappresentanza politica della FCI.

  1. individuare e attuare forme di premialità e incentivazione (es. riduzione del costo della tessera) per reclutare giovani da formare per le figure del CS e favorire le società di scorte e motostaffette a conseguire la certificazione di qualità - CQ;
  2. la Polizia Stradale - nella persona del direttore del Servizio - ha offerto la possibilità di individuare un funzionario referente dei CR per gli aspetti autorizzativi e organizzativi delle corse. Accoglierei l’invito attraverso la predisposizione di una nota per richiedere i nominativi dei referenti (può essere delegata la stessa Commissione) e interfacciandosi con i presidenti dei comitati regionali e i presidenti delle CRDCS;
  3. risolvere l’annoso problema delle divise dei DC. La Commissione sta individuando un prototipo con l’azienda indicata dalla FCI. È necessario conoscere la ripartizione delle spese tra gli stessi direttori di corsa e la FCI; la nostra proposta è di un 30% a carico dei direttori di corsa.
  4. inviare alla Polizia Stradale la programmazione delle gare UCI e nazionali: sono stati invitati i CR a fare analoga cosa per le gare regionali; al riguardo è già stato pubblicato un comunicato;
  5. dare mandato alla CNDCS di continuare a lavorare con il Servizio Polizia Stradale per: giungere alla predisposizione di una circolare (entro gennaio) che faccia chiarezza su alcuni aspetti e dare omogeneità di comportamenti sul territorio; il Servizio Polizia Stradale sta predisponendo un pacchetto normativo di modifiche al CdS nel Titolo relativo alla bici, su cui aprire un tavolo di confronto (regolamentazione delle varie tipologie di bici, suddividere i relativi equipaggiamenti, norme di comportamento, es. distanza di 1,5m, uso del casco, problema di viaggiare su doppia linea, allenamenti, qualificazione giuridica della figura del CS), si chiede se si concorda;
  6. apportare modifiche al disciplinare come individuate nel convegno;
  7. è stata rinnovata l’annosa problematica delle frequenze VHF da utilizzare durante le corse. La valutazione è di richiedere al Ministero dell’industria e del made in Italy la possibilità di avere delle concessioni a prezzi agevolati.

La Commissione può fare un lavoro preparatorio, poi gli organi politici dovranno aprire un confronto con i Ministeri competenti.

f.to La Commissione Nazionale Direttori di Corsa e Sicurezza