3 Maggio Mag 2023 0907 one year ago

Veneto - Il ciclismo protagonista al Consiglio regionale

Sono stati presentati a palazzo Ferro Fini due eventi legato al nostro sport: ‘Cycling Stars Criterium 2023’ e il progetto ‘Abilità Italia’

Foto Veneto

​(Arv) Venezia - Sono stati presentati a palazzo Ferro Fini due eventi sportivi: il ‘Cycling Stars Criterium 2023’ e il progetto ‘Abilità Italia’ della Federazione Ciclistica Italiana – Comitato regionale del Veneto.

Il ‘Cycling Stars Criterium’ si correrà lunedì 29 maggio a Pieve di Soligo, in serata, lungo un circuito cittadino, nel quale si daranno appuntamento prima gli ex professionisti, poi le donne e infine i migliori professionisti, reduci dal Giro d’Italia, che terminerà il giorno precedente a Roma. Il progetto ‘Abilità Italia’ è ideato dalla Federazione Ciclistica Italiana ed è rivolto ad atleti Esordienti di età compresa tra i 12 e i 14 anni: mira a sviluppare nei ragazzi abilità tecniche specifiche. Si articola in tre manifestazioni che si svolgeranno in altrettante Province venete: Treviso, Venezia e Padova. In particolare, sono calendarizzate tre prove: il 6 maggio a Fossalta di Portogruaro (organizzazione Cintellese); il 27 maggio a Monastier (organizzazione della Ciclistica Provinciale Treviso); il 10 giugno a Este (organizzazione del Club Ciclistico Este).

Il presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, ha ricordato che “domenica scorsa ero tra i circa 1200 appassionati provenienti da 20 Nazioni che hanno dato vita alla ‘Nova Eroica Prosecco Hills’: il ciclismo è uno sport eccezionale che permette di essere tifosi e praticanti ad ogni età, regalando sempre emozioni. Parlo dunque da appassionato e praticante: ringrazio sinceramente Enrico Bonsembiante e Alessandro Ballan, organizzatori del ‘Cycling Stars Criterium’, e Fabrizio Cazzola, della Federazione Ciclistica Italiana, promotore del progetto ‘Abilità Italia’, nonché l’amico Alberto Villanova, che ha creduto da subito in questi due eventi, sostenendone ragioni e bontà in Regione”.

“Quando vediamo che la Nazionale di calcio fatica a tenere il passo di squadre molto meno titolate degli azzurri, dimentichiamo spesso che i principali club di serie A sono composti, per otto o sette undicesimi, da giocatori stranieri, quasi che i nostri vivai non siano in grado di sfornare grandi campioni come accadeva un tempo – ha osservato Ciambetti - Vedere oggi che la Federazione Ciclistica Italiana si prodighi invece per promuovere tra i più giovani la pratica sportiva fa riflettere: questa Federazione scommette sui giovani, come accade in tante Federazioni affiliate al CONI, discipline sportive minori solo perché non trovano spazio in televisione, mentre possono contare su migliaia di aderenti che, con grandi sacrifici loro, delle loro famiglie, delle loro squadre, spesso giungono a risultati eccezionali. Chi investe in questi giovani, in queste discipline, crede nel futuro e crede nei valori della pratica sportiva. Il senso profondo dei due eventi che presentiamo oggi è proprio questo: lo sport tra la gente, per la gente, lo sport che parla ai giovani per i giovani e anche per chi, come me, giovane non lo è più, ma ama ugualmente assistere a competizioni di alta qualità e classe, nonché mettersi alla prova quando può con competizioni come la ‘Nova Eroica Hills’, alla scoperta di nuovi panorami e nuovi traguardi”.

Promotore della presentazione il consigliere regionale Alberto Villanova (Lega/LV), che ha sottolineato come “il ciclismo è assolutamente nel DNA della nostra Regione: per noi rappresenta quindi una immensa gioia e un grande orgoglio portare, a Pieve di Soligo, il 29 maggio, il giorno dopo la conclusione del Giro d’Italia, i campioni del ciclismo a contatto con la cittadinanza e con gli appassionati di questo splendido sport. Ricordo che il Veneto è terra legatissima al ciclismo: sul territorio lavorano numerose società sportive che fanno crescere tantissimi ragazzi e ragazze avvicinandoli al mondo delle due ruote. Trovo quindi molto importante avere la possibilità di portare i giovani a contatto con i campioni, con i loro idoli. Ringrazio quindi i tanti volontari e le società sportive che sono la linfa vitale dei nostri territori, la Federazione Ciclistica e il Comune di Pieve di Soligo per aver dato ospitalità al ‘Criterium’. Rivolgo la mia gratitudine in particolare agli Alpini, oggi presenti, che non faranno mancare la loro assistenza alla kermesse, nonché tutti gli sponsor”.

“Credo che il ciclismo sia uno strumento formidabile di promozione del nostro territorio – ha evidenziato Villanova - Come Regione lo sappiamo bene quando ospitiamo le tappe del Giro d’Italia, che hanno sempre avuto significative ricadute per il turismo regionale. Anche questi eventi ‘minori’ possono portare tanta attenzione al nostro territorio, già in auge come patrimonio UNESCO, ma che può essere conosciuto anche attraverso lo sport”.

“E il progetto ‘Abilità Italia’ – ha concluso Alberto Villanova - ha il pregio di coniugare assieme sia finalità sportive, per contrastare e prevenire l’abbandono dello sport da parte dei giovani, sia obiettivi sociali, insegnando ai nostri ragazzi ad usare la bicicletta in sicurezza, lungo le strade, rispettando le regole; questo anche per tranquillizzare le famiglie”.

Fabrizio Cazzola, consigliere della Federazione Ciclistica Italiana, ha presentato ‘Abilità Italia’, “un progetto itinerante di cui sono promotore, destinato a ragazzi dai 12 ai 14 anni, che sono nell’età della crescita, con l’obiettivo, al di là delle ricadute sportive di creare atleti formati e capaci, di formare utenti della strada abili, ragazzi che sappiano condurre una bicicletta anche in situazioni di grande difficoltà. Sappiamo purtroppo quanto sia importante promuovere la sicurezza stradale. È un progetto partito dalla Toscana che abbiamo abbracciato in Veneto e che per ora vede protagoniste le province di Venezia, Treviso e Padova: speriamo che il prossimo anno il progetto possa essere ampliato a tutte le province del Veneto. Ricordo che il vincitore, il ragazzino che si dimostrerà più abile, avrà come premio la convocazione al Campionato italiano di Società, un obiettivo importante soprattutto per quei giovani ciclisti che magari su strada non sono dotati di grandi doti tecniche”.

L’ex professionista, il trevigiano Alessandro Ballan, è impegnato nell’organizzazione del ‘Cycling Stars Criterium’, “una kermesse che ha l’obiettivo di avvicinare al pubblico i grandi protagonisti del Giro d’Italia che, dopo una corsa di circa 40 chilometri, saranno a disposizione degli appassionati con foto e autografi. Sarà una grande festa che vuole riportare in auge il ciclismo dopo la pandemia, avvicinando i corridori ai loro tifosi”.

Anche Enrico Bonsembiante è impegnato nell’organizzazione del ‘Criterium’: “Presentiamo un Format che mette assieme ex professionisti, donne professioniste e ciclisti professionisti in una grande festa dello sport”.

Giuseppe Negri, Assessore del Comune di Pieve di Soligo, ha sottolineato come “i grandi eventi sportivi sono un volano per promuovere il turismo e le attività commerciali della Regione, per far conoscere le nostre tradizioni, la cultura e l’enogastronomia del Veneto”.

Giuliano Vantaggi, dell’associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene UNESCO, ha evidenziato che “la kermesse del 29 maggio a Pieve di Soligo contribuisce a restituire al ciclismo una dimensione umana”.