27 Marzo Mar 2023 1232 one year ago

XCO Junior Series - Gabriel Borre d'oro, Valentina Corvi d'argento

Celestino conquista due podi, uno al maschile ed uno al femminile, nella prova internazionale in Svizzera

Whats App Image 2023 03 26 At 14

Sul Monte Tamaro brilla la Nazionale Juniores XCO di Mirko Celestino, impegnata sabato nella tappa di XCO Junior Series, il circuito fuoristrada internazionale UCI dedicato alla categoria Juniores. Gli azzurri conquistano un oro ed un argento con le due selezioni in gara, quella maschile e quella femminile. A salire sul primo gradino del podio è Gabriel Borre, che precede il danese Mikkel Lose (Hmtbk Elite; 1h 09’04”) e lo svizzero Nicolas Halter (1h 09’40”). Una bella prova per il gruppo azzurro, con 3 atleti nel gruppo di testa sin dal primo giro: Borre, Paccagnella e Prà. “Ci siamo fatti notare subito” racconta il CT Mirko Celestino al termine della gara. E aggiunge: “Questo è un percorso di altissimo livello, tecnico e selettivo. Borre è stato bravo a fare la differenza, attaccando al momento giusto e facendo il vuoto all’arrivo. Bravi anche Paccagnella e Prà, entrami nella top ten finale”.

Bei segnali anche dalla prova femminile, che termina con una medaglia d’argento di Valentina Corvi e la quinta posizione di Elisa Lanfranchi, brave a disturbare le padrone di casa, che piazzano ben 6 atlete nelle prime 10 posizioni. “Valentina se l’è giocata fino all’ultimo, cedendo solo nella salita finale ma mantenendo un buon margine con la terza. Bene anche Elisa, al suo primo anno e molto promettente come atleta” commenta il CT. L’oro va al collo di Anina Hutter, il bronzo a Muriel Fuller.

Una trasferta soddisfacente per Celestino, che ha sfruttato la trasferta per proseguire il lavoro sulla tecnica e la consapevolezza dei propri mezzi: “Abbiamo fatto 3 giorni di stage precedenti alla gara. Un lavoro che sta pagando molto, perché stiamo migliorando sotto tanti punti di vista. Il nostro obiettivo come tecnici nazionali non è solo quello di vincere medaglie, ma soprattutto dare basi solide ai ragazzi che selezioniamo, in modo che riescano tutto l’anno ad avere gli strumenti giusti per interpretare ogni percorso ed ogni sfida”.