15 Gennaio Gen 2023 1859 14 days ago

Tricolori Ciclocross - Titoli Elite a Fontana e Persico, Zontone trionfa tra le U23

Queste le ultime tre maglie assegnate durante i Campionati Italiani di ciclocross di Roma 2023

Fontana Tricolore Cx

Filippo Fontana agguanta il titolo tricolore Elite dopo aver fatto un'autentica collezione nella sua trafila giovanile. L'atleta del Centro Sportivo Carabinieri Olympia Vittoria piazza la zampata nell'ultimo giro del circuito del Camping Village Roma Capitol, in una corsa che lo vede chiudere in testa al gruppetto di cinque uomini che ha animato e si è conteso la gara.

Imprevedibile fino all'ultimo, questo il pokerissimo di leader, in rigoroso ordine di arrivo. Il classe 2000 Fontana, che taglia per primo la linea del traguardo; 2° un ottimo Davide Toneatti (Astana Development) campione Under 23 l'anno scorso in Friuli; 3° il campione uscente Jakob Dorigoni (Torpado); 4° Federico Ceolin (Beltrami TS Tre Colli) e 5° Gioele Bertolini, mattatore ieri della Team Relay vinta dalla Selle Italia Guerciotti. Sesto, alias "primo degli altri", Nicolas Samparisi per la KTM Alchemist. E menzione speciale per il settimo posto di un infinito Martino Fruet, di anni 45.

Questo il commento a caldo del nuovo campione italiano ciclocross: «Sono felicissimo, è una maglia che da Elite ha tutto un altro sapore! Dedico la vittoria, come sempre, a tutte le persone dietro ai risultati: famiglia, amici, la squadra, tutto ciò che si occupa del crescere una persona e farm diventare quello che sono».

ELITE E U23 FEMMINILE - Secondo titolo italiano consecutivo nel ciclocross per Silvia Persico (FAS Airport Servies) gran biglietto da visita in vista dei Mondiali del 4-5 febbraio a Hoogerheide. Il podio della gara Elite Women dei campionati italiani 2023 di Ostia Antica è completato da Rebecca Gariboldi (team Cingolani) e Francesca Baroni (Pissei Groep TOM).

Insieme alle "grandi" hanno corso le Under 23: le prime tre classificate del podio femminile U23 sono: la figlia d'arte Asia Zontone (Jam's Buja, papà Marco è stato tricolore nel ciclocross e la figlia oggi gli regala un enorme orgoglio), Carlotta Borello (DP66 Giant SMP, seconda anche ieri nella Team Relay) e Giada Borghesi (Lapierre Trentino Alè, che precede di pochi metri la sorella maggiore Letizia).

La corsa si apre con una caduta, che costringe a una sosta ai box Sara Casasola, vincitrice ieri della Team Relay con la Selle Italia Guerciotti. Coinvolta anche Silvia Persico, che si riprende subito, raggiunge il gruppo e inizia a scremare le avversarie fino a ritrovarsi a tre tornare dal termine insieme a Rebecca Gariboldi. La campionessa bergamasca piazza l'allungo decisivo al penultimo giro e va a prendersi i meritati applausi, scroscianti poi anche al passaggio della Gariboldi, di Francesca Baroni, di Alice Maria Arzuffi che resta per poco fuori dal podio e delle prime tre piazzate Under 23.

Questo il commento a caldo di Silvia Persico: «Oggi una gara molto dura, mi hanno tallonato bene ed è venuta fuori una bella gara. Sono felicissima, all'inizio di un anno che, dopo il Mondiale CX, mi porta una nuova avventura nel World Tour su strada con la UAE.»

Così invece Asia Zontone: «Sapevo di avere gran gamba e ho dato il tutto per tutto per recuperare e staccare le avversarie. Dedico la vittoria a mio papà e al mio fidanzato Davide, senza di loro non potrei far nulla di tutto questo.»

DICHIARAZIONI DAL PALCO

Cordiano Dagnoni, presidente Federazione Ciclistica Italiana: «Ringrazio innanzitutto la Regione Lazio, il Comune di Roma e l'assessore Onorato (oggi sul palco per le premiazioni Elite, ndr), istituzioni che stanno dimostrando in ogni occasione la propria vicinanza al nostro movimento e alla nostra Federazione. Lo confermano il successo di manifestazioni come quella di oggi, il GP Liberazione e l'accordo per portare l'arrivo finale del Giro d'Italia a Roma, sempre più Capitale di grandi eventi. Ringrazio il territorio di Ostia, che ha aperto le sue porte agli specialisti del cross, e l’impeccabile organizzazione del Team Bike Terenzi, società ciclistica giovanile di Claudio Terenzi che nel 2021 ha rilanciato lo storico Gran Premio della Liberazione. Anche oggi, grazie alla preziosa collaborazione del CR Lazio, del CT Daniele Pontoni e della DP66 Giant SMP, le aspettative sono state ripagate: quella in scena oggi è stata una perfetta ‘avventura sterrata’ su scala nazionale.»

Alessandro Onorato, Assessore grandi eventi, turismo, sport e moda di Roma Capitale: «Questo campeggio è un luogo unico, che invito a visitare anche in estate e altri momenti. Sono... onorato della collaborazione col presidente Dagnoni e ringrazio Claudio Terenzi, l'intero comitato organizzatore, staff e volontari. Col Gran Premio della Liberazione e il Giro d'Italia vogliamo stringere rapporto con uno sport che rappresenta il dna degli italiani e contribuisce a promuovere uno stile di vita sano.»

Claudio Terenzi, organizzatore di questa rassegna tricolore romana: «Nell'allestimento siamo partiti coi tempi giusti ma sono sorte complicazioni tecniche: col presidente Commissione Fuoristrada della Federciclismo Massimo Ghirotto, col c.t. azzurro ciclocross-gravel Daneiel Pontoni e tutti i tecnici del Comitato Lazio della F.C.I. abbiamo dovuto un po' rivoluzionare il percorso, che è comunque risultato molto veloce e ha visto sicuramente il trionfo dei più forti. Ringrazio i qui presenti Cordiano Dagnoni e Alessandro Onorato, che mi stanno supportando tantissimo, la preziosa DP66 Giant SMP che ha contribuito all'organizzazione, tutto il pubblico e i media che hanno seguito questo grande evento. Non ultimo Baia Holiday, che gestisce la splendida struttura che mi ha accolto e "sopportato". Tutto è andato per il meglio!»

QUI IL LINK ALLE FOTO