30 Settembre Set 2022 1640 2 months ago

Mondiali Gravel: Gli azzurri del CT Daniele Pontoni sul percorso iridato

Lo stage si è tenuto sulle strade che vedranno svolgersi i primi Campionati di specialità, il prossimo 8 e 9 ottobre, nelle province di Vicenza e Padova. 140 km per le donne, e 195 per gli uomini.

Whats App Image 2022 09 29 At 14

CITTADELLA: Gli azzurri del CT Daniele Pontoni, accompagnati Massimo Ghirotto, responsabile di settore, hanno effettuato uno stage sulle strade che vedranno svolgersi i primi Campionati Mondiali Gravel il prossimo 8 e 9 ottobre nelle province di Vicenza e Padova. 2 i percorsi previsti, 140 km per le donne, e 195 per gli uomini.

C’era curiosità per questo primo stage dove sono stati convocati Letizia Borghesi, Barbara Guarischi, Chiara Teocchi, Ilaria Sanguineti, Luca Cibrario, Daniel Oss, Mattia Viel e Juri Zanotti.

MAGLIA: Saranno loro (lunedì le convocazioni con l'aggiunta di altri nomi per un totale di 12) gli atleti ad indossare la maglia azzurra ufficiale Castelli, presentata nel mese di settembre. Da segnalare che al via della competizione iridata sono iscritti anche 57 atleti che hanno avuto una wild card (40 maschi e 17 donne per l’esattezza). Si tratta di concorrenti che gareggeranno con una divisa nazionale, richiesta dall’UCI, con sponsor delle squadre di appartenenza.

Questo dettaglio non deve generare confusione su quelli che sono i partner ufficiali FCI.

Ecco invece le considerazioni di Daniele Pontoni al termine del sopralluogo:

“Uno stage decisamente interessante in cui abbiamo scoperto i tracciati per i Mondiali, da Vicenza a Cittadella. Avevamo sia gli uomini che le donne”.

Il CT analizza con lucidità il percorso: “Un tratto iniziale impegnativo con tratti tecnici, single track e saliscendi. Dal km 35 in poi invece un terreno più semplice, con asfalti e sterrati veloci, dove saranno premiati i passisti di fondo e in grado di sprigionare wattaggi importanti”.

Il finale torna ad essere insidioso: “Avremo diversi cambi di traiettorie su strade rurali che ci porteranno fino a Cittadella. Per i maschi si aggiunge un circuito di 27 km decisamente insidioso”.

Altri dettagli emersi durante questo stage: “Abbiamo capito quali gomme usare, i rapporti adeguati e le bici adatte. Si deve inoltre distribuire lo staff lungo i 10 punti assistenza tecnica e alimentare”.

Un augurio: “Speriamo sia un bel mondiale” conclude Pontoni.

Gli azzurri si ritroveranno per la gara giovedì prossimo con le donne, e venerdì con gli uomini.

Pietro Illarietti