3 Dicembre Dic 2021 0852 one month ago

Veneto - A Scorzé la festa del ciclismo veneziano

Domenica 28 i suoi campioni in occasione di una bella cerimonia svoltasi nel Teatro "Elios Aldò"

I CAMPIONI MONDIALI JUNIORES DELL'inseguimento SQUADRE

Scorzé (Venezia) - Il ciclismo veneziano ha festeggiato domenica 28 i suoi campioni in occasione di una bella cerimonia svoltasi nel Teatro "Elios Aldò" di Scorzè alla presenza della Sindaca e dell'Assessore allo Sport Nais Marcon e William Ceccato e del Presidente della Federciclismo del Veneto, Sandro Checchin che era affiancato da i consiglieri regionali Giuseppe Clementi e Vittorino Gasparetto. Prima delle premiazioni il Presidente della Fci lagunare, Gianpietro Bonato, insieme al vice Paolo Bassanello e i consiglieri, Diego Varetto, coordinatore della Commissione Veneta Cicloturistica-Amatoriale ed Ermanno Baldin e Luigi Zambon, ha ringraziato il Comune e la Pro Loco di Scorzè per la collaborazione e la disponibilità evidenziate.

Qualche dispiacere per i numerosi appassionati dello sport del pedale per la mancata partecipazione del campione olimpico di Tokyo e iridato a Roubaix dell'Inseguimento Squadre, Francesco Lamon e della tricolore della specialità scatto fisso Under 23, Francesca Selva. Il velocista di Zianigo non è intervenuto per la concomitante partecipazione al collegiale della nazionale a Gran Canaria; mentre la campionessa di Marcon è stata vittima di una caduta in Danimarca che le ha procurato la frattura alla clavicola. A ritirare i riconoscimenti sono stati i loro papà.

"Il 2021 - ha detto Bonato - ha penalizzato le giovanili e le società che organizzavano le gare. C'è da dire che si è disputato un bellissimo Trofeo d'Autunno di mountain-bike e siamo riusciti a preparare un campionato provinciale su pista a Portogruaro solo per esordienti e a riprendere il Trofeo Bottecchia di Fossalta di Piave, per Elite e Under, che mancava da tanti anni".

"Ringrazio la Federciclismo veneziana per il lavoro che svolge - ha detto la sindaca - perché so quanto impegno è necessario per l'attività organizzativa. E' la Festa del Ciclismo che è uno degli sport al contatto con la natura, che difende l'ambiente e vedere i bambini che si avvicinavano al suo mondo è stato meraviglioso perché saranno loro gli atleti del domani e rappresentano la continuità agli ottimi risultati ottenuti alle Olimpiadi e ai Mondiali. Il Veneto è una regione dove ciclismo ha una sua vita e dobbiamo continuare a mantenerla e a fare in modo che possa essere di tutti perché avvicina, fa bene, insegna a stare insieme e al rispetto delle regole".

"E' stato un anno difficile - ha sottolineato Checchin - e non dimentichiamo quello che è accaduto per le incertezze del virus ma c'era la speranza di poter tornare alla normalità. Grazie all'impegno di tutti siamo riusciti a salvare un calendario e una data che si è rivelata straordinaria e ci ha regalato tante soddisfazioni. Un grazie ai Comuni che ci hanno dato una mano e rappresentato il ciclismo come una fase di ripartenza. Aver colto questo aspetto della nostra disciplina per me è stato straordinario".

La festa è entrata nel vivo quando sono stati premiati i protagonisti della conquista della medaglia d'argento ai Mondiali Junior dell'Inseguimento Squadre ad al Cairo (Egitto), Alessio Dalle Vedove e Samuele Mion che al loro arrivo hanno ricevuto tanti applausi. E' toccato poi per il tricolore Cronosquadre junior, Ares Costa; al Tandem Paralimpico Pierluigi Sclip con la guida Emanuele Pestrin e per il campione veneto junior strada, Edoardo Tagliapietra. Premi speciali a Alessandro Crivellari, presidente del Sorriso Bike; al direttore di corsa Vittorio Danieli (30 anni di attività) e ai fratelli Sandro e Marino Bettuolo e Roberto Terzariol (Una Vita per lo Sport).

Premiate le società protagoniste del Campionato Provinciale Giovanissimi: Polisportiva Musile, Martellago-Maerne-Olmo e Lagunare; di Cicloturismo, Favaro Veneto, Fonte San Benedetto Scorzè e Marina Cancelli. Riconoscimenti per i campioni veneziani dei vari settori: Pierluigi Sclip con la guida Daniele Vidulis Rossin (tandem paraciclismo); Giovanni Lascati Busato (Libertas Scorzè - corsa a punti ed eliminazione Esordienti); Giacomo Faccioni (Martellago-Maerne-Olmo) e Alessandro Sbrissa (Libertas Scorzè) Esordienti 1. e 2. anno su strada; Luca Alessandro Benozzi (id) Allievi su strada; Esterino Scomparin (Velodrome) Amatori.

Per il settore mountain-bike: Jacopo Vendramin (Martellago-Maerne-Olmo) Esordienti 1. anno; Cristiano Dus (Musile) 2. anno; Enrico Prevedello (Libertas Scorzè) Allievi 1. anno; Matteo Nan (Musile) Junior; Nicola Marson (Sorriso) M1; Alessandro Bergamasco (Julia) M2; Enea Franzon (Bibione) M3; Ruggero Ranzato (Team Bellato Peseggia) M4; Davide Villan (Chioggia Bike) M5; Roberto Ambrosi (Musile) M6 e Stefano Masotti (Perla Verde Eraclea) M7+.

Francesco Coppola