23 Ottobre Ott 2021 2109 one month ago

Mondiali Pista - Elia Viviani, il campione ruggisce nell'Omnium

Medaglia di bronzo conquistata all'ultima volata per l'olimpionico di Rio. Uguagliato il risultato delle Olimpiadi 2021: "Per la vittoria bisogna ancora migliorare..."

3120A7eb 78C7 4Aa2 8E99 B583b6374963

ROUBAIX (23/10) – Elia Viviani regala l’ottava medaglia all’Italia proprio in chiusura di una giornata che, senza il suo bronzo, sarebbe stata ricca di rimpianti. Giusto pertanto partire dal racconto dell’Omnium, disciplina olimpica e con il quale il veronese ha costruito le sue imprese più belle. Anche oggi ha lasciato il segno, acciuffando all'ultima volata un bronzo che appariva addirittura impossibile dopo le prime tre prove. Ma la classe e la determinazione del campione vengono fuori proprio nelle difficoltà, come dimostrato anche da Filippo Ganna ieri.

“Era giusto e doveroso provare tutto per salire sul podio – ha detto alla fine esausto ma contento -. Per la vittoria dobbiamo ancora lavorare e questo risultato è per me un punto di partenza per il prossimo quadriennio”. La cronaca della corsa a punti finale recita di un dominatore assoluto, il britannico Hayter che, pur partendo in testa, continua a spingere sui pedali, guadagnando due giri. Elia con pazienza e determinazione attende la seconda metà gara per lasciare andare le gambe e soprattutto per trovare i ritmi della pista. Dopo aver collezionato un giro, il veronese si mette in testa al gruppo e detta il ritmo. Vince l’ultima volata che vale doppio e che gli permette di mettere al collo il bronzo (121 punti). Supera il diretto avversario in classifica e si ferma a tre punti dall’argento (l’australiano Gate).

Le belle notizie, in questo giorno contrassegnato per i nostri colori da diversi piazzamenti, non si fermano al bronzo. Martina Alzini nell’inseguimento individuale conquista la finale 3/4, provando a portare una medaglia che manca al nostro movimento dal 1996 (bronzo di Antonella Bellutti). Chiude quarta, segnando anche il nuovo record italiano nelle qualificazioni (3’26”328): “In un sol colpo sono riuscita a raggiungere entrambi i miei obiettivi: migliorare il riscontro cronometrico ed entrare in una finale. Sono stata contenta di prolungare la mia stagione di qualche ora” dice con in filo di ironia. Il podio è tutto tedesco, con Lisa Brennauer nuova campionessa del mondo.

500 METRI - Qualificazione dei 500 metri di Miriam Vece in linea con le previsioni: quarto tempo e possibilità di difendere il bronzo del mondiale 2020. Nella finale l’azzurra abbassa ancora il riscontro (33”374), ma non basta a tornare sul podio a distanza di un anno. Per lei un quinto posto che non la soddisfa: “Sono delusa. Ho lavorato molto in questi mesi su questa disciplina per confermare la medaglia dello scorso anno. Mi consola, anche se solo parzialmente, aver raggiunto i quarti di finale nella velocità.”

MADISON DONNE – Una bellissima volata finale di Rachele Barbieri non è sufficiente a portare sul podio dell’Americana la coppia italiana Barbieri-Paternoster. Per un solo punto sono costrette a guardare la cerimonia di premiazione dai box e cedere quel bronzo lo scorso anno vinto da Balsamo-Paternoster. Titolo all’Olanda, davanti alla Francia. La Gran Bretagna ci sopravanza di un soffio.

Rachele Barbieri: “E’ veramente dura perdere una medaglia di un punto. E’ tutta la stagione che attendevo un giorno simile. Per una settimana ho aspettato questa gara. Sono in una condizione perfetta… e tornare a casa a mani vuote fa male.”

Letizia Paternoster: “Dobbiamo partire dalle cose positive. Io è Rachele non abbiamo corso tante Madison insieme, ma abbiamo dimostrato di avere un ottimo affiatamento."

LE GARE DI DOMANI - Il programma di questi mondiali, come tradizione, concentra il giorno finale nel pomeriggio della domenica. Silvia Zanardi correrà la corsa a punti. Torna nella specialità che quest’anno gli ha regalato uno dei titoli continentali di categoria: “Non sarà la stessa cosa degli Europei in Olanda…”. Indipendentemente da come andrà a finire per l’emiliana si tratta di una stagione ricca di soddisfazioni. Infatti oltre ai titoli continentali su pista a fine agosto è arrivato anche il titolo europeo in linea a Trento.

Nella Madison maschile in pista Consonni-Scartezzini. Per Villa questa è una delle specialità su cui bisognerà lavorare con maggiore attenzione in previsione delle Olimpiadi di Parigi. Consonni vola sulle ali dell’entusiasmo per il titolo olimpico e mondiale nell’inseguimento. Non ha mai fatto mistero di trovarsi bene nelle prove di squadra. Michele Scartezzini, smaltita la delusione per una corsa a punti sfortunata è pronto a dare battaglia: “Ho dimostrato di avere una buona gamba e con Simone c’è perfetta sintonia. Sarà dura ma noi ce la metteremo tutta.”

Una spettacolare Eliminazione è destinata a chiudere questi Mondiali di Roubaix. Per l’Italia torna in pista, per la terza volta, Elia Viviani, che non ha mai nascosto di trovarsi a suo agio in questa specialità.

Antonio Ungaro

Programma (solo le finali)

Venerdì 22 (18,30-22,15)

Corsa a punti uomini – 40 km
Km uomini
Inseguimento individuale uomini
Sprint donne
Omnium donne

Sabato 23 (17,30 – 20,50)

500 m
Madison donne – 30 km
Inseguimento individuale donne
Omnium uomini

Domenica 24 (13,48-17,13)

Corsa a punti donne – 25 km
Sprint uomini
Madison uomini – 50 km
Keirin donne
Eliminazione Uomini

Gli azzurri convocati

Martina Alzini – Valcar Travel & Service
Elisa Balsamo – GS Fiamme Oro
Rachele Barbieri – GS Fiamme Oro
Liam Bertazzo - Vini Zabù
Davide Boscaro – Team Colpack Ballan
Chiara Consonni - Valcar Travel & Service
Simone Consonni – Cofidis
Martina Fidanza – GS Fiamme Oro
Filippo Ganna – Ineos Grenadiers
Francesco Lamon – GS Fiamme Azzurre
Jonathan Milan – Bahrain Victorius
Manlio Moro – Zalf Euromobil Desiree Fior
Letizia Paternoster – GS Fiamme Azzurre
Michele Scartezzini – GS Fiamme Azzurre
Miriam Vece – CS Esercito
Elia Viviani – Cofidis
Silvia Zanardi – Bepink

Nelle foto Bettini: in alto Elia Viviani in azione al mondiale di Roubaix, sotto: Martina Alzini