2 Agosto Ago 2021 1114 one month ago

Tokyo 2020 - Record italiani per l'Inseguimento azzurro nelle qualifiche

Entrambi i quartetti abbassano il limite nazionale. Per Rachele Barbieri, Letizia Paternoster, Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini 4'11"666 vale il quarto tempo. Francesco Lamon, Simone Consonni, Jonathan Milan e Filippo Ganna con 3'45"895 passano con il secondo tempo

Uomini

E' cominciato questa mattina in Italia, nel pomeriggio in Giappone, il torneo della pista che ha proposto l'assegnazione del primo titolo in palio, quello della Velocità a squadre femminile (alla Cina) e le qualifiche dell'inseguimento a squadre, sia maschile che femminile. L'Italia avanza in entrambe le prove a suon di record e acquisendo il diritto, nel primo turno, di correre ancora per puntare all'oro.

Le prime a scendere in pista sono le azzurre di Dino Salvoldi: Rachele Barbieri, Letizia Paternoster, Elisa Balsamo e Vittoria Guazzini. Il trenino italiano rispetta la tabella pensata da Salvoldi e ferma il cronometro in 4'11"666, nuovo record nazionale e, al termine della sessione di qualifiche, quarto tempo generale. Un piazzamento che nella giornata domani, nel primo turno, lo vedrà correre contro la Germania (ora prevista 8:51), autrice del miglior tempo assoluto, 4'07"307 nuovo record del mondo.

"Le ragazze sono state brave, hanno girato nei tempi che pensavamo - ha commentato Dino Salvoldi al termine -. Forse potremo migliorare ancora qualcosa, ma per ora ve bene così. Questo è un gruppo giovane. Non era facile, perché siamo al debutto e la componente psicologica era importante. Sicuramente la Germania è diventata la favorita per il torneo. Adesso si riparte da zero. E' una nuova sfida. Siamo contenti ma consapevoli che tutto può ancora succedere."

Un'ora dopo sono scesi sul tondino del IZU Velodrome gli uomini: Francesco Lamon, Simone Consonni, Jonathan Milan e Filippo Ganna che hanno frantumato il record italiano e coperto la distanza in 3'45"895, realizzando (anche se solo per pochi minuti) il nuovo limite olimpico. Ci ha pensato la Danimarca, favorita per quanto riguarda la vittoria finale, ad abbassarlo subito, portandolo a 3'45"014. Per i ragazzi di Villa la soddisfazione di aver fatto registrare il secondo tempo finale. Nel primo turno di domani se la vedranno con la Nuova Zelanda (alle ore 9:36), che oggi ha chiuso in 3'46"079 per un turno che si annuncia quanto mai combattuto ed incerto. In palio, per la vincente, la finale per l'oro come per l'altro scontro che vedrà contrapposte Danimarca e Gran Bretagna (3'47"507).

"Non è stato facile con solo cinque giorni di preparazione su questa pista. Sono stati giorni di attesa e per certi versi anche di paura. Il fatto di partire per quarti è stato come correre al buio. Abbiamo seguito la nostra tabella, disturbata solo parzialmente dal salto del nostro corridore negli ultimi metri. Abbiamo visto, però, che i problemi ci sono stati per tutti. Ci attendevamo record del mondo frantumati, invece ci rendiamo conto che siamo tutti racchiusi in un fazzoletto e che sono tutti umani. La Nuova Zelanda è alla nostra portata. Siamo sereni. Adesso massaggi e un riposo che ci permetterà domani di essere pronti per il primo turno."

Il programma di domani Martedì 3 agosto (ora italiana)

08:30 - 08:58 Eliminatorie Team Pursuit D
08:58 - 09:22 Qualificazioni Team Sprint U
09:22 - 09:50 Eliminatorie Team Pursuit U
09:50 - 10:05 Eliminatorie Team Sprint U
10:05 - 10:12 Finale 7-8 posto Team Pursuit D
10:12 - 10:19 Finale 5-6 posto Team Pursuit D
10:19 - 10:26 Finale 3-4 posto Team Pursuit D
10:26 - 10:35 Finale 1-2 posto Team Pursuit D

10:35 - 10:38 Finale 7-8 posto Team Sprint U
10:38 - 10:41 Finale 5-6 posto Team Sprint U
10:41 - 10:44 Finale 3-4 posto Team Sprint U
10:44 - 11:10 Finale 1-2 posto Team Sprint U