28 Luglio Lug 2021 1159 2 months ago

Tokyo 2020 - Crono olimpica: 5° posto con Ganna

L'azzurro arriva a pochissimi secondi dal podio: «Una grande prova in cui ho giocato le mie carte: più di così non potevo fare» - Cassani: «Filippo ha fatto l'impossibile» - Dagnoni: «Ora sarà ancora più determinato» - 11° Bettiol, decima Longo Borghini

Ganna Crono

Con il successo dello sloveno Primoz Roglic (55':07”), davanti all'olandese Tom Dumoulin (+1':01”) e all'australiano Rohan Dennis (1':03”), si chiude la crono olimpica che vede l'azzurro Filippo Ganna al 5° posto ad un solo secondo dal podio. 11° l'altro azzurro, Alberto Bettiol, giunto a 2':34”.

E' Davide Cassani che commenta la prova di Ganna: «Filippo ha fatto l'impossibile oggi». Il CT ed i suoi collaboratori hanno costantemente tenuto informato l'azzurro: «Lui sapeva tutto e a 5 km dall'arrivo si stava ancora giocando la medaglia. Dobbiamo solo dirgli bravo». Un finale ad altissima intensità emotiva: «L'abbiamo vissuta come si vive una finale olimpica, una grande emozione in cui cercavamo di fornire tutte le info a Pippo, ma ripeto: è stato bravissimo e sicuramente è pronto per fare bene in pista».

Il piemontese, campione del mondo in carica, subito dopo il traguardo ha commentato la sua prova: «Più di così non potevo fare contro gente che vince corse a tappe. Ho comunque disputato una grande prova giocando le mie carte. Certo, c'è un po' di rammarico, ma è andata bene anche così. Ora penso alla pista». Alcuni dettagli sulla gara: «Riuscivo a guadagnare in certi tratti ed esprimevo i miei valori, ma sono gli altri che vanno più forte in questo momento. Il mio impegno è diviso in 2 parti, strada e pista: rifarei quanto fatto si qui allo stesso modo».

Il distacco dalla medaglia è stato contenutissimo: «Il percorso presentava 800 metri di dislivello, non pochi. Magari riuscirò a fare meglio a Parigi in una corsa adatta alle mie a caratteristiche. Tre anni passano veloci. Non sono uno scalatore, Roglic è andato fortissimo e tutti noi siamo arrivati concentrati in pochi secondi. Pensavamo che il tempo teorico di percorrenza fosse di 3 minuti più alto». Adesso ad attendere lui e gli altri azzurri l'impegno in pista: «Abbiamo rotto il ghiaccio, iniziando le Olimpiadi. Ora cerchiamo di ottenere il meglio in pista».

Alberto Bettiol, autore di una bella prova: «Sono contento della mia crono, una gara in cui ho dato tutto e questo è positivo. Sabato invece non l'ho letta allo stesso modo. Su queste distanze posso dire la mia e lavorerò ulteriormente nella specialità».

Elisa Longo Borghinini è 10° nella gara vinta da Annemiek Van Vleuten in 30'13". Medaglia d'argento per Marlen Reusser (Svizzera), a 56", e bronzo per Anna Van der Breggen a 1'01". L'azzurra: «Oggi è andata così così, resta il bilancio positivo del bronzo e ora posso dire anche che 2 medaglie olimpiche in 2 edizioni differenti sono una grande cosa».

A chiudere i commenti è il Presidente FCI Cordiano Dagnoni: «Abbiamo iniziato la giornata con il 10° posto di Longo Borghini, onorevole, così come l'11° di Bettiol. Sapevamo che questa non era la prova per Pippo, la medaglia è sfuggita per poco ed ora sarà ancora più determinato per le altre specialità. Posso fare una considerazione, ossia che solitamente le crono hanno altre caratteristiche tecniche, questa era una gara anomala, non proprio da prova secca per un titolo, piuttosto una frazione da grande giro».

Il programma olimpico prevede ora la BMX, domani mattina, e in gara ci sarà Giacomo Fantoni (seguono le dichiarazioni).


ORDINE D’ARRIVO UOMINI

1. Primoz Roglic (SLO) 55’04″19
2. Tom Dumoulin (OLA) +1’01”
3. Rohan Dennis (AUS) +1’03”
4. Stefan Kueng (SVI) +1’04”
5. Filippo Ganna (ITA) +1’05”
6. Wout Van Aert (BEL) +1’40”
7. Kasper Asgreen (DAN) +1’48”
8. Rigoberto Uran (COL) +2’14”
9. Remco Evenepoel (BEL) +2’17”
10. Patrick Bevin (NZL) +2’20”
11. Alberto Bettiol (ITA) +2’33”

ORDINE DI ARRIVO DONNE

1. Annemiek Van Vleuten (OLA) 30’13″49
2. Marlen Reusser (SVI) +56″
3. Anna Van der Breggen (OLA) +1’01”
4. Grace Brown (AUS) +1’08”
5. Amber Neben (USA) +1’12”
6. Lisa Brennauer (GER) +1’57”
7. Chloe Dygert (USA) +2’16”
8. Ashleigh Moolman-Pasio (RSA) +2’24”
9. Juliette Labous (FRA) +2’28”
10. Elisa Longo Borghini (ITA) +2’47”