20 Giugno Giu 2020 0930 5 months ago

Forza Alex, tutta l'Italia è con te!

Tutto il Paese si stringe accanto a Zanardi attualmente ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale di Siena. La vicinanza della Federazione, delle Istituzioni e di tutto il mondo dello sport. I bollettini medici. Il messaggio del Papa.

B144f4b8 7999 49F9 93C2 41606Bda15d0

Tutta l'Italia si stringe accanto ad Alex Zanardi, coinvolto ieri in un terribile incidente e attualmente ricoverato in condizioni definite "gravissime" nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Siena, dopo aver subito un delicato intervento di neurochirurgia durato circa tre ore.

In queste ore convulse si delineano i contorni di quanto accaduto. Zanardi era impegnato in una delle tappe toscane di 'Obiettivo Tricolore', da Pienza a San Quirico d'Orcia per raggiungere Castelnuovo dell'Abate, a Montalcino. Lungo una curva in discesa Alex ha perso il controllo del mezzo che si è capovolto due volte e l’ha proiettato contro un grosso furgone che veniva in senso opposto.

Il Corriere della Sera riporta le parole di Mario Valentini, che lo seguiva in furgone «Il casco è saltato e Alex ha agganciato il predellino del furgone battendo la testa.»

Il bollettino medico dopo l'operazione: "In merito alle condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato in condizioni gravissime al policlinico Santa Maria alle Scotte a causa di un incidente stradale avvenuto in provincia di Siena, la Direzione Sanitaria dell’Aou Senese informa che l’intervento neurochirurgico e maxillo-facciale a cui è stato sottoposto l’atleta, a causa del grave trauma cranico riportato, è iniziato poco dopo le 19 e si è concluso poco prima delle 22. Il paziente è stato poi trasferito in terapia intensiva, in prognosi riservata. Le sue condizioni di salute sono gravissime”.

"Ciclismo e paraciclismo in questo momento non possono che essere tutti dalla parte di Alex Zanardi - ha commentato via twitter a nome di tutto il movimento ciclistico il presidente Renato Di Rocco -. Il suo esempio è stata fonte di ispirazione per tanti di noi e adesso e il momento di fargli sentire tutto il calore del nostro mondo: forza Alex!".

Numerosi attestati di vicinanza da parte del mondo dello sport, delle Istituzioni e della società civile. «Mai ti sei arreso e con la tua straordinaria forza d’animo hai superato mille difficoltà. Forza Alex Zanardi, non mollare. Tutta l’Italia lotta con te», ha scritto il premier Giuseppe Conte, sul proprio account di Twitter. Messaggi anche da parte del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio: «Ci hai dimostrato di saper vincere anche le sfide impossibili. Campione non mollare, sei l’orgoglio di un’intera Nazione!» e del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora: «Forza Alex non mollare!». Uno dei primi messaggi è stato della campionessa Federica Pellegrini.

BOLLETTINI MEDICI
Aggiornamento clinico ore 10 del 20 giugno
- "In merito alle condizioni cliniche dell’atleta Alex Zanardi, ricoverato dalle ore 18 del 19 giugno in gravissime condizioni al policlinico Santa Maria alle Scotte a seguito di incidente stradale avvenuto in provincia di Siena, la Direzione Sanitaria dell’Aou Senese informa che il paziente, sottoposto ad un delicato intervento neurochirurgico nella serata del 19 giugno, e successivamente trasferito in terapia intensiva, ha parametri emodinamici e metabolici stabili. E’ intubato e supportato da ventilazione artificiale mentre resta grave il quadro neurologico."

Aggiornamento clinico ore 11:30 del 21 giugno - "In merito alle condizioni cliniche dell’atleta Alex Zanardi, ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena dal 19 giugno a seguito di incidente stradale, la Direzione Sanitaria informa che il paziente ha trascorso la notte in condizioni di stabilità cardio-respiratoria e metabolica. Le funzioni d’organo sono adeguate. E’ sempre sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Il neuromonitoraggio in corso ha mostrato una certa stabilità ma questo dato va preso con cautela perchè resta grave il quadro neurologico. Le condizioni attuali di stabilità generale ancora non consentono di escludere la possibilità di eventi avversi e, pertanto, il paziente resta sempre in prognosi riservata."

Aggiornamento ore 11.30 del 22 giugno - "Rimangono stabili le condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte dal 19 giugno. La terza notte di degenza in terapia intensiva è trascorsa senza variazioni. Le condizioni cliniche rimangono quindi invariate nei parametri cardio-respiratori e metabolici mentre resta grave il quadro neurologico. Il paziente è sedato, intubato e ventilato meccanicamente e la prognosi è riservata. L’équipe multidisciplinare che lo ha in cura valuterà nei prossimi giorni eventuali azioni diagnostico-terapeutiche da intraprendere."

Aggiornamento delle 11.30 del 23 giugno 2020 - "In merito alle condizioni cliniche di Alex Zanardi, la direzione sanitaria dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese informa che il paziente ha trascorso anche la quarta notte di degenza nel reparto di terapia intensiva del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena in condizioni di stabilità nei parametri cardio-respiratori e metabolici. Il quadro neurologico resta invariato nella sua gravità. Il paziente rimane sedato, intubato e ventilato meccanicamente. Eventuali riduzioni della sedo-analgesia, per la valutazione dello stato neurologico, verranno prese in considerazione a partire dalla prossima settimana. La prognosi rimane riservata."

Seguono altri aggiornamenti

Sotto la testimonianza di Mario Valentini e un'intervista di qualche tempo fa di Zanardi fatta da Barbara D'Urso

Anche Papa Francesco ha voluto mostrare vicinanza al campione. Su La Gazzetta dello Sport del 24 giugno è pubblicata la lettera che il Pontefice ha inviato a Zanardi:

"Carissimo Alessandro

la sua storia è un esempio di come riuscire a ripartire dopo uno stop improvviso. Attraverso lo sport ha insegnato a vivere la vita da protagonisti, facendo della disabilità una lezione di umanità. Grazie per aver dato forza a chi l’aveva perduta. In questo momento tanto doloroso le sono vicino, prego per lei e per la sua famiglia. Che il Signore la benedica e la Madonna la custodisca. Fraternamente, Francesco."

Come ha spiegato Pier Bergonzi, il messaggio è arrivato alla Gazzetta dello Sport tramite Marco Pozza, prete maratoneta, amico di Alex, che proprio sulla rosea del giorno prima aveva scritto: "Nessuna pietà per Zanardi", un articolo molto apprezzato dal Papa che ha voluto così riconoscere il profondo valore educativo e morale del campione attualmente impegnato in una dura battaglia.