4 Aprile Apr 2020 0928 one month ago

In Aprile sarebbe dovuto ripartire il ciclismo lodigiano

In totale sospese 10 gare sulle 20 previste in calendario

Lodigiano1

In aprile sarebbe dovuto partire la nuova stagione del ciclismo lodigiano Fci 2020. Il ciclismo giovanile che più conta per alimentare il futuro, sia coi ragazzi che riescono a realizzare i propri sogni da corridore, sia con quelli che questi sogni sono costretti a ridimensionare. Perché, in partenza, la passione è uguale.

Ma causa il Coronavirus anche la FCI con un Comunicato di Marzo ha sospeso tutte le corse d’Aprile e con un secondo seguito ad Aprile ha sospeso tutte le corse di Maggio. Non ci resta che aspettare restando in casa e cercando di non incontrare nessuno per rimanere in salute e pronti a ricominciare quando questo virus non ci sarà più. Ma anche quando la paura del contagio non ci sarà, la paura, più lenta ad andarsene del virus stesso. E potrebbe non bastare aspettare il 1° Giugno!

Nel Lodigiano, il calendario del ciclismo FCI avrebbe dovuto aprirsi la prima domenica d’aprile, il 5, nel pomeriggio, a Muzza di Cornegliano Laudense col G.P.Premio del 45° di Fondazione della Società organizzatrice, lo Sport Club Muzza ’75, che ha in Francesco Bernardelli da sempre la guida.

Corsa riservata ai Giovanissimi (7/12 anni), la categoria di corridori più rappresentata in questa società e che dopo l’uscita di scena a fine 2019 del Gs Corbellini di Crespiatica è il maggiore, se non l’unico, riferimento al via 2020, in provincia di Lodi.

In attesa che altre società del territorio potenzialmente più capaci, in particolare per l’età dei suoi animatori, crescano nel proposito di farne parte per l’attività su strada. Ci riferiamo allo Sport Frog Senna dell’ex professionista Ivan Cerioli; alla F.lli Rizzotto Coop Lombardia Asd di Zelo Buon Persico, icona da sempre del ciclismo amatoriale, ma con la passione di tanto in tanto e quest’anno ancora di più nel ricordo di Paolo Rizzotto, di ritornare alla promozione Fci; all’Una Tricyclescholl Asd di Massimo Ghelfi e alla sua voglia di un ciclismo nuovo e più propositivo.

Nel calendario 2020, il 13 Aprile, lunedi di Pasqua , sarebbe dovuta poi seguire a Montanaso Lombardo la giornata più piena di ciclismo del Lodigiano, col 5° G.P. di Primavera, al mattino, in 2 gare per Esordienti 1° e 2° anno e al pomeriggio la 14a Popolarissima di Pasqua - 9° Memorial Antonio “Cecü” Ferrari per Allievi. Giornata organizzata, con l’aiuto del Comune di Montanaso L. e di tante realtà del Mondo del Lavoro locale e dintorni, dal Gs Cicloamatori Lodi 2001 Fci Asd agonistica giovanile che ha sede in paese, per ricordare anche tutti gli amici del ciclismo scomparsi nel 2019. Tra questi Luigi Tosi, orologiaio di Casalpusterlengo, tra i più grandi animatori del ciclismo giovanile lodigiano dell’età d’oro ,1961-1984, del Ped. Casalese. Ai quali s’è aggiunto, tra le vittime del Coronavirus, fine marzo 2020, il presidente della Cicloamatori Lodi 1974 amatoriale, oggi affiliata Csi, Raffaele Corbellini, noto farmacista di Lodi.

E salta anche la corsa, icona lodigiana per la sua data (il 25 Aprile, nella cornice della Sagra di San Giorgio), il 60° G.P. Sportivi di Pantigliate di Livraga per Allievi, organizzata dall’U.S Livraga Ciclismo, sua colonna Gianni Marazzi, avendo il presidente Piero Marchesi un’età che gli permette ancora di vederle.

In Maggio infine si sarebbero dovute svolgere 3 corse per Giovanissimi (il 3.5, a Livraga l’11°Trofeo Sportivi;il 10.5 a Borghetto Lod., l’11°G.P.Operai e Contadini, organizzate entrambe dall’Us Livraga Ciclismo; il 24.5 a Montanaso Lombardo il 35° G.P. Primi Sogni da Corridore) organizzata dal Gs Cicloamatori Lodi Fci Asd), e 2 corse per Juniores ( il 17.5, a S. Colombano al Lambro, il 59°Colli Banini ; il 24.5, l’8° Memorial Giovanni Luigi Livraghi col finale in linea da Casalpusterlengo a Cechignola sulle colline dell’Oltre Po, organizzate dalla Lorenzo Mola Ped. Casalese( conduttori Mario Massimini e Angelo Peviani), la sola società che nel Lodigiano che tessera Juniores.

Tutti si augurano che vengano recuperate.

Ma il Coronavirus oltre a far caduti, potrebbe avere ridimensionato la generosità di chi ha sempre contribuito all’organizzazione di queste manifestazioni, e dato i costi, suggerirci di non farne un dramma se saltano e comunque di accontentarci comunque vada. In ogni caso il Ciclismo Lodigiano FCI (resista Gianni Marazzi) si riunirà appena potrà muoversi, per parlarne.

Giuseppe Pratissoli