26 Maggio Mag 2019 1728 6 months ago

FORMAZIONE: En plein” dei Giudici di Gara italiani anche per la “Pista”

Felice esito degli esami svoltisi al termine del corso di formazione per “Commissari Nazionali Elite Pista”

Seminariocommissari

Nei giorni scorsi l’UCI ha comunicato l’esito degli esami svoltisi a seguito del corso di formazione per “Commissari Nazionali Elite Pista” che si è tenuto a Riccione dal 25 al 28 aprile scorsi facendo registrare l’ennesimo successo dei nostri Giudici di Gara, 7 candidati italiani su 7 sono stati promossi e abilitati per la nuova prestigiosa qualifica.

I corsi assegnati alla FCI dall’UCI per l’anno 2019, hanno fatto registrare brillanti successi dal punto di vista tecnico-organizzativo. Apprezzamenti e congratulazioni sono stati espressi dalla Unione Ciclistica Internazionale, dai candidati, docenti e personale di supporto per l’eccellente svolgimento dei lavori che ha permesso ad ognuno di esprimere al meglio qualità e abilità.

Così Antonio Pagliara presidente della Commissione Nazionale Giudici di Gara: “Semplicemente fantastici i nostri giudici interpreti di un ulteriore en plein dopo quelli degli anni scorsi, a significare la valenza dell’attività di formazione messa in atto dalla CNGG dal momento del suo insediamento e delle modalità per determinare i meritevoli da iscrivere ai corsi. Rivolgo i miei più sentiti ringraziamenti al Presidente della FCI e Vice Presidente UCI Renato Di Rocco, al Vice-Presidente vicario della FCI Daniela Isetti, a tutti i componenti del Consiglio Federale, al Settore Studi e alla macchina organizzativa della FCI, per l’intensa attività sinergica che ha consentito di realizzare i brillanti risultati sin qui ottenuti dai nostri giudici di gara”.

Sono 18 (su 18), i promossi “Elite” che vanno dunque, a sommarsi ai 23 già abilitati per un totale di 41 ripartiti tra le varie discipline, tutto questo dal dicembre 2015 ad aprile 2019 (3 anni e 4 mesi).

Tale consistenza pone l’Italia tra le nazioni con il maggior numero di “commissari nazionali elite” e, in particolar modo, per la presenza maggioritaria femminile infatti, 26 dei 41 “elite” sono donne (63,41%), quasi i 2/3. Risultati resi possibili da mirate strategie educative che la Commissione ha proposto anche attraverso l’esperienza e la disponibilità dei giudici con spiccate competenze, tutor, che ricevute informazioni pertinenti interagiscono con i colleghi più giovani durante tutte le fasi della gara e ne indirizzano e perfezionano comportamenti e attitudini. L’età media giovane dei neo-elite, infine, evidenzia come si siano in modo consistente accorciati i tempi di crescita professionale.

L’elogio del Presidente della FCI Renato Di Rocco: “Siamo felici del risultato ottenuto in una categoria che si era arroccata su pochi elementi a livelli internazionale e che in passato ha compresso le aspettative di nuovi e qualificati giudici che aspirano ad eventi a livello internazionale. Un altro obiettivo raggiunto anche per quanto riguarda la parita’di genere in questo caso negativa per gli uomini. Le professionalita’acquisite e le competenze dimostrate assicurano una presenza italiana nelle gare internazionali ad alto livello".

Un doveroso augurio a tutti i protagonisti. Questi i 7 neo commissari nazionali elite “pista” italiani: Federico Calosso, Fabiana Contestabile, Francesca Dellacasa, Anna Galuppini, Federica Guarniero, Letizia Palma e Gabriele Rigoletti.