20 Aprile Apr 2019 0922 3 months ago

AMSTEL GOLD RACE: Assalto alle côtes del Limburgo

Favoriti per la corsa olandese soprattutto Gilbert (già vincitore quattro volte) e Alaphilippe - 24 italiani al via, con Bettiol e Gasparotto, che questa classica l'ha già vinta due volte - Tra le donne Marta Bastianelli proverà ancora a rovinare la festa delle olandesi.

Amstel Logo1

Si lasciano le Fiandre e la Francia (della Roubaix) per spostarsi nelle Ardenne (Limburgo), con l'Amstel Gold Race, giunta quest'anno alla 54^ edizione. C'è stato un tempo, neanche troppo lontano, che le vittorie, per noi italiani, giungevano in serie. Era il primo decennio del 2000. Poi sono tornati protagonisti i belgi, primo tra tutti quel Philippe Gilbert che l'ha vinta quattro volte e che domenica scorsa si è impossessato della Roubaix.

Se dovessimo indicare un favorito sarebbe proprio lui, anche prima di Alaphilippe, vincitore della Sanremo, e di Bettiol, dominatore delle Fiandre. Certo la presenza di Alberto rafforza la speranza e l'ipotesi di poter vedere tra i protagonisti anche uno dei 24 italiani (tra gli uomini) al via. Oltre al vincitore della corsa dei muri, ci sentiamo di indicare anche Enrico Gasparotto, che questa corsa l'ha vinta nel 2012 e nel 2016 e che è giunto terzo lo scorso anno. Da non sottovalutare neanche Matteo Trentin, sempre protagonista in questi anni al nord e che invece nel 2019 non ha ancora lasciato il segno. La corsa olandese, anche per le caretteristiche del percorso (con il Cauberg a 19 chilometri dall'arrivo) si adatta alle caratteristiche del campione europeo.

Il percorso - Non cambiano i chilometri complessivi (258) e delle côtes (35), in linea con la rivoluzione tracciata nel 2017, con il passaggio fondamentale sul Cauberg a 19 km dal traguardo. La cote (900 metri al 7,5%) verrà affrontata tre volte prima dello scollinamento sui temuti Geulhemmerberg e Bemelerberg ai 7, dall'arrivo di Valkenburg aan de Geul, previsto intorno alle 17.

I favoriti - Oltre ai citati, meritano di essere ricordati il campione del mondo Peter Sagan (l'Amstel manca alla sua "collezione"), Mathieu Van der Poel, Michael Matthews, Alejandro Valverde e Michael Kwiatkowski.

AMSTEL FEMMINILE - Nelle cinque precedenti edizioni la corsa olandese ha visto sempre primeggiare un'atleta di casa, a parte nel 2003, quando si impose la britannica Cooke. Non c'è da meravigliarsi. Le olandesi si confermano da tempo le più forti su tutti i terreni. Probabilmente avrebbero vinto anche di più, riguardo le classiche, se non si fossero trovati sulla loro strada spesso le italiane, prima fra tutte Marta Bastianelli.

Marta lo scorso anno ha vinto il titolo europeo (sulla Vos) e quest'anno il Giro delle Fiandre femminile, in volata sulla Van Vleuten. Si presenta alla corsa di domenica, in casa delle avversarie di sempre, con la maglia di leader dell'UCI Women's World Tour e la tranquillità di una campionessa che ormai ha compreso perfettamente la portata del suo valore.

Accanto a lei la giovane Sofia Bertizzolo, anche lei protagonista al Fiandre, e una solida pattuglia di italiane, tra cui la Longo Borghini, Elena Cecchini e le giovanissime Elisa Balsamo, Marta Cavalli e Vittoria Guazzini.


COSì IN TV - Diretta della corsa maschile su RaiSport dalle 14:45, con il live che passerà poi anche su Rai2 a partire dalle 15:30. Diretta anche su Eurosport a partire dalle 15:15, inoltre non mancheranno le opzioni streaming grazie a RaiPlay ed Eurosport Player.
L’Amstel Gold Race femminile sarà trasmessa in diretta streaming su Eurosport Player.

24 ITALIANI AL VIA
TEAM DIMENSION DATA: Enrico Gasparotto
MITCHELTON SCOTT: Matteo Trentin
BAHRAIN MERIDA: Sonny Colbrelli; Damiano Caruso
BARDIANI CSF: Vincenzo Albanese; Enrico Barbin; Lorenzo Rota; Paolo Simion; Alessandro Pessot; Alessandro Tonelli; Mirco Maestri
ISRAEL CYCLING ACADEMY: Kristian Sbaragli
TEAM KATUSHA ALPECIN: Enrico Battaglin
BORA – HANSGROHE: Cesare Benedetti; Daniel Oss
TEAM SKY: Diego Rosa
CCC TEAM: Alessandro De Marchi
WANTY - GOBERT CYCLING TEAM: Andrea Pasqualon
TREK SEGAFREDO: Fabio Felline
EF EDUCATION FIRST: Alberto Bettiol
UAE TEAM EMIRATES: Manuele Mori; Simone Petilli; Edward Ravasi; Diego Ulissi

14 ITALIANE AL VIA
ALE CIPOLLINI: Soraya Paladin; Nadia Quagliotto
BIGLA PRO CYCLING TEAM: Maria Vittoria Sperotto
CANYON-SRAM: Elena Cecchini
TEAM VIRTU CYCLING: Sofia Bertizzolo; Marta Bastianelli; Barbara Guarischi
TREK-SEGAFREDO WOMEN: Elisa Longo Borghini
VALCAR CYLANCE CYCLING: Elisa Balsamo; Marta Cavalli; Barbara Malcotti; Vittoria Guazzini; Ilaria Sanguineti; Dalia Muccioli