18 Marzo Mar 2019 1800 one month ago

T/A: Colpo di Alaphilippe a Jesi

Viviani, terzo, dà spazio al francese, Cimolai è secondo - Adam Yates ancora leader

Alaphi Jesi

Jesi (AN) (18/03) – In volata Viviani attira su di sé l'attenzione e agevola la vittoria del compagno di squadra Julian Alaphilippe (Deceuninck - Quick-Step) nella sesta tappa della Tirreno-Adriatico NamedSport, la Verdicchio Wine Stage, da Matelica a Jesi di 195 km (nella Photobicicailotto l'arrivo).

Sul traguardo il francese ha preceduto Davide Cimolai (Israel Cycling Academy) e lo stesso Elia Viviani (Deceuninck - Quick-Step)​. Adam Yates (Mitchelton - Scott) indossa ancora la Maglia Azzurra.

6^ TAPPA
1. Julian Alaphilippe (Deceuninck - Quick-Step) - 195 km in 4h42’11”, media 41,462 km/h
2. Davide Cimolai (Israel Cycling Academy) s.t.
3. Elia Viviani (Deceuninck - Quick-Step)​ s.t.


CLASSIFICA GENERALE
1. Adam Yates (Mitchelton - Scott)
2. Primoz Roglic (Team Jumbo - Visma) at 25"
3. Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) at 35"

MAGLIE

  • Maglia Azzurra, leader della classifica generale, sponsorizzata da Gazprom - Adam Yates (Mitchelton - Scott)

  • Maglia Arancione, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Sportful - Mirco Maestri (Bardiani CSF)

  • Maglia Verde, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Enel - Alexey Lutsenko (Astana Pro Team)

  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Open Fiber - Sam Oomen (Team Sunweb)

Il vincitore di tappa, Julian Alaphilippe, subito dopo l'arrivo, ha dichiarato: “Non sono un velocista ma so di poter essere pericoloso in uno sprint dopo una giornata dura come questa. A un giro dalla fine Elia Viviani mi ha chiesto se me la sentissi di provarci in volata, gli ho detto che gli avrei fatto da apripista. Poi allo sprint Max Richeze ha accelerato tanto e io non ho fatto altro che seguirlo e tenere fin sulla linea del traguardo. Sono davvero contento di questo incredibile successo”.

La Maglia Azzurra Adam Yates ha dichiarato: “L'ultimo chilometro era in leggera salita, sappiamo che Alaphilippe può fare la differenza su un arrivo come questo. Forse un paio di anni fa avrei potuto farlo anche io ma non sono più così esplosivo. Spero di poter fare una prestazione-sorpresa domani. Non sono uno specialista della cronometro e il mio vantaggio non è abbastanza ma farò del mio meglio.

STATISTICHE

  • Prima di Julian Alaphilippe, l’unico francese ad aggiudicarsi due tappe alla Tirreno-Adriatico NamedSport era stato Jean-Claude Leclercq, allora portacolori della Helvetia e ormai noto commentatore di ciclismo in TV in lingua tedesca, che vinse la terza tappa da Amalfi a Ravello (cronoscalata individuale) e la sesta da Porto Recanati a Monte Urano nel 1990.
  • Davide Cimolai (2°) è al suo primo podio alla Tirreno-Adriatico NamedSport. Il suo ultimo podio in una gara WorldTour era stato un 2° posto alla Volta Catalunya del 2017 tre giorni dopo aver vinto la prima tappa.
  • Cinque volte in Maglia Azzurra, il britannico Adam Yates raggiunge il suo connazionale Mark Cavendish per numero di gioni come leader della Corsa dei Due Mari. Nessun britannico ne conta tante.

LA TAPPA DI DOMANI

Tappa 7 – San Benedetto del Tronto (Cronometro Individuale) 10 km
Cronometro individuale di 10’050 m, su un percorso che ricalca in gran parte il circuito finale delle tappe conclusive degli ultimi anni 90 e 2000 ed è il medesimo dal 2015. La pedana di partenza è posta in viale Tamerici (Riva sud) da dove si procede verso Porto d’Ascoli lungo il mare. Da Piazza Salvo d’Acquisto (cronometraggio intermedio – km 4,4) si prosegue ancora circa 750 m prima di risalire fino a San Benedetto del Tronto dove la corsa termina sul traguardo tradizionale di viale Buozzi. Gli ultimi 2,5 km sono praticamente rettilinei.

Ultimi km
Ultimi 3 km su strade ampie e prevalentemente rettilinee. Si risale sul lungomare (carreggiata a monte) verso il traguardo. Ai 2,5 km dal traguardo una doppia curva immette sul rettilineo d'arrivo (2.500 m). Carreggiata di 8 m, fondo asfaltato.