2 Giugno Giu 2017 1840 one year ago

ELITE/U23: Lo svizzero Thiery domina ancora a Tortona

Sul podio Tagliani (Gallina Colosio Eurofeed) e Covi (Team Colpack) – A Petitti (Overall Cycling Team) e Micheletti (Overall Cycling Team) i titoli piemontesi élite e under 23

Milano Tortona2giugnoarrivo

Tortona (AL) (2/6) - Sono passati 15 giorni da quando il Giro100 ha fatto tappa in città (Vittoria di Gaviria) ed oggi Tortona, con la regia del Veloce Club 1887 Serse Coppi presieduto da Giovanni Ferrari Cuniolo ospita la 71° edizione della corsa monumento del ciclismo dilettantistico Italiano denominata “Milano-Tortona”, da qualche anno con partenza ed arrivo in città.

E dopo avere osservato un minuto di silenzio in memoria del Giudice FCI Nando Acampora di Alessandria, deceduto tragicamente in seguito ad un incidente stradale, la corsa, scatta con 149 corridori in gruppo in rappresentanza di 21 Squadre delle quali due straniere di affiliazione Svizzera e Principato di Monaco in una giornata dal calore estivo (32 gradi segnala il servizio meteo), starter l’Assessore allo Sport della città di Tortona, Vittoria Colacino affiancata dal Sindaco Gianluca Bardone, dal suo vice Marcella Graziano e dal Presidente del Veloce Club Tortonese 1887 Serse Coppi, Giovanni Ferrari Cuniolo.

Vittoria per distacco dello svizzero Cyrille Thiery (VC Mendrisio-PL Valli), secondo Filippo Tagliani (Gallina Colosio Eurofeed) a 35”, terzo Alessandro Covi (Team Colpack) a 42” (nelle foto Dario Belingheri l’arrivo e il podio).

Il primo giro del circuito attraverso i centri di Viguzzolo, (1° traguardo volante vinto da Calipa su Feeley (UC Monaco) indi, Castellar Guidobono, Monleale, Volpedo Centro, Casalnoceto, Castellar Guidobono, Viguzzolo, Tortona Rotatoria Orsi di km. 21,4 viene coperto in 29’10 media kmh. 44,122 e il primo TV sotto il traguardo e dedicato a Cassano Colombo, ex corridore che vinse la Milano Tortona nel 1954, è vinto in volata da Leonardo Bonifazio dorsale 55 del Team Colpack su Andrea Menini (SC Gerbi) dorsale nr. 126.

Il secondo giro del circuito viene coperto ancora a gruppo compatto fino al km. 40 quando si avvantaggiano in due, Davide Forlani (UC Pregnana-Team Scout) e Michael Delle Foglie (Gragnano Sporting Club) che vengono ripresi in prossimità della linea del traguardo dove è posizionato il traguardo volante dedicato a Cassano Colombo e vinto da Loris Calipa (Team VVF) su Pietro Mascalzoni (Gallina-Colosio-Eurofeed) seguiti da un drappello di 8 corridori e, immediatamente dopo, il gruppo compatto.

Sono stati percorsi Km. 43,4. quando si invola Samuele Oliveto (Pregnana-Team Scout) per una breve "uscita dal gruppo". Poi ancora un cambiamento con una decina di corridori in testa, tra i quali, Guizzetti (Colpack), Maleiev, Campione Nazionale Ucraina-Named, Konychev (Viris), Zanoni, (Generalstore), Bertaina (Beltrami), Dalmasso e Micheletti (Overall) e Feeley (UC Monaco) che vengono ripresi dopo qualche chilometro. E sostituiti da Pozzoli (Named),Giampaoli (Beltrami), Montobbio (Overall), Zambelli (Viris), Baldaccini (Colpack), Bellomo (Pregnana), Gattuso (Futura Team Rosini) e il 17 Alessandro Petitti (Overall). Sono le ore 14,22 e gli 8 hanno un vantaggio di 25”.

Al TV di Viguzzolo, transitano nell'ordine, Montobbio (Overall) su Bellomo (Pregnana).

Il vantaggio dei fuggitivi viene annullato nel giro di pochissimi chilometri e si avvantaggiano Alexander Konychev col suo compagno Damiano Cima della Viris che transitano nell'ordine ad uno dei tanti traguardi volanti disseminati sul percorso poi sostituiti da Patrizio Leoni (Gragnano Sporting Club) e Aleksander Vlasov (Viris-Maserati) dal 70° kilometro ed ora hanno un vantaggio di oltre 2 minuti; siamo intorno alla conclusione del quarto giro prima di iniziare i giri più mossi con alcuni passaggi validi per la classifica del GPM.

Sempre in fuga Leoni (Gragnano) e Vlasov (Viris) che si contendono il traguardo volante con Vlasov che precede Leoni mentre il gruppo segue compatto con oltre 2 minuti di svantaggio.

Si iniziano i giri mossi verso il Castello e sono stati percorsi km 87,700 la media parziale è di 41,700 kmh. Al traguardo mancano km. 77,100.

Si rialza Leoni mentre Vlasov insiste con decisione anche se il suo vantaggio è sceso poco al di sopra del minuto e spiana in solitaria il Gpm della Montanina al km. 96 precedendo Leoni di 34" e il gruppo di circa 55", gruppo che si è diviso in due tronconi, il primo composto da 31 corridori a poco più di 1 minuto ed un secondo troncone a 1'25".

Sotto la linea del traguardo il fuggitivo Vlasov viene ripreso mentre Massimo Fieni (SC Valle Seriana) vince l'ultimo traguardo volante tracciato sotto la linea bianca precedendo Micheletti dell'Overall e il resto dei 30 corridori che comandano la corsa e, a 50" un altro troncone infine, l'ultimo plotone in corsa viene fermato dalla Giuria perché in ritardo oltre i 3 minuti.

Ed è la volta del sardo Filippo Capone (Futura Team Rosini) a innestare la quinta e involarsi con una trentina di secondi su una prima parte del gruppo formata da 35 corridori, va a conquistare il GPM della Montanina con gli inseguitori a soli 8".

Si comincia a salire verso Castellania "Cima Coppi" con un rimescolamento delle carte e un quartetto in fuga: CyrilleThiery , vincitore della Milano-Tortona 2016 col suo compagno di colori Matteo Badilatti (VC Mendrisio), l'altomilanese Giacomo Garavaglia (Viris-Maserati) e Patrizio Leoni (Gragnano).

Sul GPM della Boffalora, 400 mt slm, Thiery Cirille stacca tutti e lancia il suo affondo mentre i suoi ex compagni di fuga vengono ripresi.

Dal gruppo escono Alessandro Covi (Colpack) con Micheletti (Overall) che inseguono lo svizzero solo al comando e, questi passaggi equivalgono alla classifica del passaggio sul GPM.

Alessandro Covi, bellissima la sua sparata, raggiunge CyrilleThiery e formano la coppia attualmente al comando ma il vantaggio è piuttosto risicato, Thiery Cyrille non ci stà, rilancia, Covi cerca di difendersi, la corsa si fa sempre più dura, sempre più corsa vera, sempre più un duello a colpi di fioretto fino a quando Cyrille Thiery "colpisce al cuore" Alessandro Covi che comunque si stà comportando e difendendo benissimo e merita gli applausi e, consentiteci, anche l'onore delle Armi, a soli 40" dallo svizzero che è sempre più vicino al suo personale e strepitoso bis in terra Italiana con Filippo Tagliani (Delio Gallina) al posto d'onore e Alessandro Covi (Colpack) al terzo.

Campione Regionale Piemontese Elite: Alessandro Petitti (Overall Cycling Team).

Campione Regionale Piemontese U23: l'altomilanese di Abbiategrasso Andrea Micheletti (Overall Cycling Team).

Vito Bernardi

ORDINE D’ARRIVO: 1. Cyrille Thiery (Svi-VC Mendrisio-PL Valli) Km. 168,200 in 4h04’50” media kmh 41,220; 2. Filippo Tagliani (Gallina Colosio Eurofeed) 35”; 3. Alessandro Covi (Team Colpack) 42”; 4. Umberto Marengo (Gallina Colosio Eurofeed) 50”; 5. Leonardo Bonifazio (Team Colpack); 6. Pasquale Abenante (General Store bottoli Zardini); 7. Antonio Zullo (Futura Team Rosini); 8. Pietro Andreoletti (Team Colpack); 9. Eros Colombo (Team Palazzago Amaru); 10. Michael Delle Foglie (Gragnano Sporting Club).