24 Dicembre Dic 2016 1129 2 years ago

La storia della Filotex al museo della Castellina

La squadra fu grande protagonista dal 1965 al 1975 con la guida di Waldemaro Bartolozzi e campioni come Bitossi e Moser

Filotex1973

S. Lucia alla Castellina (FI) (24/12) - Merita una visita e non solo degli appassionati di ciclismo il restaurato e rinnovato locale che ospita nel convento dei Padri Carmelitani a Santa Lucia alla Castellina, il Museo della Filotex, l’azienda di Viaccia di Prato che fu grande protagonista nel ciclismo dal 1965 al 1975, sotto la guida del direttore sportivo Waldemaro Bartolozzi e la guida spirituale di Padre Agostino Bartolini.

Grandi campioni del pedale hanno indossato la maglia bianco-blù del sodalizio pratese, come Franco Bitossi e Francesco Moser, assieme a decine di altri corridori per un bilancio complessivo in 11 anni di attività di poco superiore alle 200 vittorie.

La Filotex, ditta pratese di velluti, tappeti e moquette decise l’ingresso nel ciclismo grazie al suo direttore commerciale Ivo Giambene ed ai tre titolari Edo Gelli, Alfio Santanni e Aldo Giovannelli che decisero di dar vita al progetto che permise un ritorno di immagine straordinario. E le vittorie conquistate si “ritrovano” nei locali del Museo che “Gli Amici della Castellina” (Giacinto Gelli, Luca Limberti ed i loro fervidi collaboratori) hanno reso davvero bello, interessante, piacevole da visitare. Cimeli, trofei, coppe, foto, e tanto altro materiale è esposto in attesa di averne altro, per rendere il museo Filotex ancora più bello e completo.

Davvero lungo l’elenco dei corridori che hanno indossato la maglia del team pratese dal ’65 al ’75, compreso i “pratesi” Franco Bitossi (nato a Camaioni di Carmignano, allora provincia di Firenze), Giuseppe Grassi di Seano, Moriano Tempestini di Casale, Piero Spinelli di Carmignano. In ordine alfabetico gli altri atleti che fecero parte di quella definita da tutti “grande famiglia”. Andreoli, Ballini, Bariviera, Bergamo Emanuele e Marcello, Bodei, Bortolotto, Carlesi, Cavalcanti, Caverzasi, Chiarini, Colombo, Cumino, Dallai, Della Torre, Fabbri Fabrizio e Pasquale, Favaro, Fontanelli, Gallon, Giuliani, Laghi, Lenzi, Mannucci, Marchetti, Marzoli, Moser Aldo, Diego e Francesco, Muccioli, Mugnaini Gabriele e Marcello, Nencini, Passuello, Picchiotti, Poggiali, Poli, Rimessi, Rosolen, Rossignoli, Salutini, Simonetti, Soldi, Sorlini, Talamona, Urbani, Vicentini, Zanchi, Zilioli.

Antonio Mannori