10 Maggio Mag 2016 2321 2 years ago

UNDER 23: Fuga vincente del polacco Rekita nella Coppa Cicogna

Ai posti d’onore dopo la rincorsa Bagioli (Zalf Désirée Euromobil Fior) e Fabbro (Cycling Team Friuli)

Podiocicogna2016

Cicogna (AR) (10/5) - Questione di 40 metri, quelli che hanno permesso e diciamo subito con pieno merito al polacco Szymon Rekita della Altopack Eppela di vincere la 66^ Coppa Cicogna dopo una fuga negli ultimi 24 chilometri. Questione di 40 metri, quelli che sono mancati a Nicola Bagioli della Zalf Desirèe Euromobil Fior per raggiungere il fuggitivo dopo la violenta e rabbiosa accelerazione sul “muro” del Valcello a 500 metri dal traguardo che gli ha consentito di recuperare 20 secondi dei 25 che aveva all’ultimo chilometro.

E’ stato un finale palpitante e bello quello proposto da questa classica per under 23, una gara di eccellenza del calendario con 168 partenti di 33 società e con diversi dei migliori esponenti della categoria ad iniziare dal vice campione del mondo Simone Consonni.

La Coppa Cicogna si è svolta in un bel pomeriggio di sole su 9 giri di un circuito di 17 Km e 100 metri con la salita di Gangherete a 3 Km e mezzo dall’arrivo e l’impennata micidiale del Valcello che porta nel centro di questa piccola località (550 abitanti) del Valdarno superiore conosciuta anche per il Castello “Feudo dei Guidi”.

Dopo poche emozioni nei primi 70 Km, tutto è successo nel corso del quinto giro quando attaccava Camerin e su questo allungo si formava al comando un gruppo di 25 unità dopo il bel rientro di Campigli prima e di Scerbo più tardi. Nel gruppo di testa rappresentate numerose squadre ed anche quella che andavano per la maggiore, per cui dietro nessuno tirava e si arrendevano in molti.

A 24 Km dal traguardo a metà dell’ottavo e penultimo giro, l’attacco del polacca Rekita, reduce dal Giro dei Carpazi in Polonia e campione nazionale polacco a cronometro, che da sei anni ormai è in Italia. Al suono della campagna 27 secondi il margine su di un sestetto comprendente Fabbro, Bagioli, Orsini, Guizzetti, Fortunato e Giuliani.

C’era il tempo per poter recuperare, ma il battistrada dava spettacolo e resisteva brillantemente tanto che il vantaggio restava inalterato fino all’ultimo Km quando la strada s’impennava. Rekita non si disuniva faceva ricorso a tutte le forze che gli erano rimaste e scollinava con 12” sullo scatenato Bagioli che aveva avuto un’accelerazione impressionante, mentre anche Fabbro cercava di seguire l’atleta della Zalf.

Sul traguardo poche decine di metri separavano i primi tre, ma erano una classifica onesta. Grande la gioia di Rekita che dopo 8 anni torna a scrivere nell’albo d’oro della Coppa Cicogna il nome di un straniero, mentre da 19 anni non vince un toscano (nelle foto Soncini, in alto: il podio, sotto: l'arrivo di Rekita).

Oltre al podio un bravissimo Orsini e complimenti meritati anche per Fortunato, Giuliani e Guizzetti, mentre si è rivisto con piacere tra i più attivi e brillanti anche Kopshti.

La corsa è stata organizzata dalla Fracor e dall’A.S. Cicogna capitanata da Marco Borgogni e Rossano Carsughi, con il sindaco di Terranuova Bracciolini Sergio Chienni a dare il via alla competizione dopo il minuto di raccoglimento osservato in memoria di Giacomo Pasqui.

Infine la gara era valevole come terza prova del Memorial Massimiliano Parenti, e la speciale maglia quale miglior giovane classificatosi nei primi dieci è andata a Ridion Kopshti della Maltinti Banca di Cambiano.

Antonio Mannori

Ordine di arrivo: 1. Szymon Rekita (Altopack-Eppela V.C. Coppi Lunata) Km 154, in 3h43’, media Km 41,621; 2. Nicola Bagioli (Zalf Désirée Euromobil Fior) a 4”; 3. Matteo Fabbro (Cycling Team Friuli) a 7”; 4. Umberto Orsini (Team Colpack) a 27”; 5. Lorenzo Fortunato (Hopplà Petroli Firenze); 6. Giacomo Giuliani (Norda MG Kvis) a 29”; 7. Simone Guizzetti (Named Sport) a 44”; 8. Ridion Kopshti (Maltinti Banca Cambiano) a 1’20”; 9. Luca Gatto (Selle Italia Cieffe) a 1’25”; 10. Oliviero Troia (Team Colpack).