28 Luglio Lug 2015 2042 3 years ago

ELITE/U23: Devid Tintori irresistibile a Vinci

L’alfiere del Gragnano Sporting Club) anticipa Giulio Ciccone (Team Colpack) e Alfio Locatelli (Viris Maserati Sisal)

Tintori Vinci

Vinci (FI) (28/7) - Il ciclismo dilettanti ha reso omaggio a Leonardo Da Vinci, il grande genio toscano. Lo ha fatto questo 52° Gran Premio Città di Vinci con il traguardo finale situato dopo 122 Km in località Anchiano, tra gli olivi del Montalbano, nei pressi della casa natale di Leonardo, per un’edizione bellissima, veloce, combattuta della corsa organizzata in maniera straordinaria dalla Maltinti Lampadari-Banca Cambiano. E qui con un attacco “geniale” ha vinto il pisano di Villa Campanile, Devid Tintori dopo tre secondi posti consecutivi. Vittoria meritatissima ottenuta in una gara con ben 153 partenti di 25 squadre comprese le formazioni più forti in campo nazionale, dalla Zalf désirée Euromobil, al Team Colpack, la Palazzago, la General Store Bottoli e la Viris Maserati.

Un “Gran Premio” senza un attimo di tregua. Dopo 5 Km al primo passaggio dei sei previsti sulla salita di Quattro Madonne al centro di un circuito di 17 Km e mezzo, la prima fuga di 11 corridori neutralizzata al Km 57. Quindi due tentativi di fuga entrambi con 17 corridori all’attacco, le fughe solitarie promosse e di breve durata di Marzoli e Orsini (assai brillante e vivace), infine la fuga del quintetto con Rocchi, Bonusi, Bernardini, Giannelli Gabriele e Fiorenza a 20 Km dal traguardo.

Quando mancavano 14 Km alla fine il passaggio di fronte alla casa natale di Leonardo con Fiorenza solitario attaccante, e gli altri raggiunti dal gruppo. Fiorenza era ripresa dal moldavo Rusnac della Gragnano che lo saltava e dava vita a un tentativo solitario che infiammava il finale di corsa, ma il battistrada era raggiunto a quattromila metri dalla fine da 17 inseguitori. Il drappello si dava battaglia negli ultimi due chilometri di ascesa con l’attacco di Orsini, quello di Vendrame, di Pessot, ma era al triangolo rosso dell’ultimo Km che schizzava via dal gruppo di testa Tintori.

Una progressione fantastica la sua, con Locatelli che partiva al contrattacco mentre aveva un attino di indecisione, risultata fatale, Ciccone reduce da due vittorie negli ultimi sei giorni. Tintori resisteva brillantemente fino al traguardo che tagliava con tre secondi su Ciccone che rimontava Locatelli per il secondo posto e subito dietro gli altri ad iniziare dai bravi Vendrame e Rusnac. Un vincitore splendido, in grande forma, determinato, che in salita si esalta e con questo arrivo lo si è visto. Bravo Ciccone uno dei favoriti che ha avuto quell’attimo di ritardo nel finale dietro a Tintori, mentre Locatelli è stata un altro brillante attore di questa gara che gli organizzatori, visto il successo ed il consenso di tutti i presenti devono continuare con questo tracciato e con l’arrivo in questa stupendo e magnifico scenario di Anchiano.

Antonio Mannori

Ordine di arrivo: 1. Devid Tintori (Gragnano Sporting Club) Km 122, in 2h55’, media Km 41,829; 2. Giulio Ciccone (Team Colpack) a 3”; 3. Alfio Locatelli (Viris Maserati Sisal); 4. Andrea Vendrame (Zalf Desirèe Fior Euromobil) a 5”; 5. Maxim Rusnac (Gragnano Sporting Club); 6. Alex Turrin (Mastromarco Sensi Dover Andia Fora); 7. Marco Bernardinetti (Malmantile Gaini); 8. Giuseppe Brovelli (Gragnano Sporting Club); 9. Raffaello Bonusi (General Store Bottoli Zardini); 10. Nicola Da Dalt (Selle Italia Cieffe Ursus).