12 Maggio Mag 2015 2041 3 years ago

UNDER 23: Prima di Salvador e 20^ per la Zalf nella Coppa Cicogna

Vittoria per distacco del trevigiano a Terranuova Bracciolini, sul podio Andrea Montagnoli (Ciclistica Malmantile) e il compagno di squadra Simone Velasco

Cicogna2015

Terranuova Bracciolini (Ar) (12/5) - Un finale elettrizzante, combattuto, tirato ed emozionante, per la 65^ Coppa Cicogna, una classica regionale per under 23. Ha vinto il ventenne trevigiano di Cordignano, Enrico Salvador, figlio d’arte, che ha trovato finalmente sulle strade della Toscana la prima vittoria stagionale e la ventesima per la Zalf Euromobil désirée Fior. La battuta di arresto subìta nel Trofeo Matteotti di domenica (ma anche uno squadrone come quelle veneto non può sempre vincere, ci mancherebbe) è già dimenticata e sulle strade del Valdarno sono stati due atleti non ancora a segno come Salvador e Velasco, altro talento del nostro ciclismo, i protagonisti con il primo a terzo posto sul podio. Tra i due si è inserito un meraviglioso Montagnoli.

L’aretino della Malmantile Gaini ha compiuto due autentiche prodezze, quando è partito dal gruppo per riprendere i sei di testa e più tardi quando si è riportato a due chilometri dall’arrivo sul moldavo Raileanu (brillante e volitiva la sua prestazione) e su Velasco che avevano lasciato poco prima il gruppo dei 15 di testa. I tre hanno affrontato l’ultimo chilometro con il “muro” del Valcello quando alle spalle sono rinvenuti cinque inseguitori, tra i quali uno scatenato Salvador che a velocità doppia ha superato di slancio il terzetto di testa involandosi da solo verso l’ormai vicino traguardo di Cicogna accolto dagli sportivi presenti al traguardo.

Questo il bellissimo ed emozionante finale della corsa valdarnese presente il c.t. della nazionale azzurra under 23 Marino Amadori e 143 atleti di 29 formazioni che hanno affrontato per nove volte un circuito di 17 Km comprendente la lieve asperità di Gangherete e l’impennata del Valcello che immetteva direttamente nel piccolo borgo del Valdarno superiore.

Per il resto, da ricordare l’incidente meccanico in avvio di corsa di Consonni del Team Colpack che era tra i corridori più attesi, un paio di cadute, la corsa sempre viva ed interessante e tra i migliori in assoluto anche Tortomasi, Fortunato, Ciucci e Basso. Una classica storica (prima edizione nel 1920) che ha tra i suoi vincitori anche Aldo Bini, Alfredo Martini, Fabio Casartelli e che un corridore toscano verace non vince più da 18 anni, organizzata dall’A.S. Cicogna e dalla Fracor con tanti complimenti a Marco Borgogni che il primo referente dell’organizzazione.
"Questa vittoria è per la squadra che mi ha fatto crescere e che mi ha dato oggi questa splendida opportunità - racconta il figlio d'arte dopo il traguardo. 20 anni e un pedigree da promessa delle due ruote per il ragazzo che con un pizzico di commozione ha scelto di dedicare la prima affermazione tra gli under 23 all'amico che non c'è più -. Erano alcune settimane che cercavo questo successo. Volevo dedicarlo con tutto il cuore al mio ex compagno di squadra e amico Andrea Carolo. Oggi in salita, quando stavo per mollare, l'ho sentito vicino e mi piace pensare che fosse lì al mio fianco a pedalare con me come abbiamo fatto tante volte in allenamento ed in gara".

Antonio Mannori


ORDINE D'ARRIVO
1. Enrico Salvador (Zalf Euromobil désiré Fior) km. 150 in 3h40'48", media 40,761
2. Andrea Montagnoli (Ciclistica Malmantile) a 3"
3. Simone Velasco (Zalf Euromobil Désiré Fior) a 13"
4. Manuel Ciucci (Maltinti)
5. Leonardo Basso (Selle Italia Cieffe Ursus)
6. Cristian Raileanu (Gaiaplast Bibanese) a 21"
7. Lorenzo Fortunato (Mastromarco Dover Sensi)
8. Leonardo Tortomasi (Maltinti)
9. Daniel Pearson (Zalf Euromobil désiré Fior) a 57"
10. Mirco Pieroni (Big Hunter Seansese)