21 Febbraio Feb 2015 1930 3 years ago

ELITE/U23: Grande volata di Pinaglia nella Firenze-Empoli

Sul podio con il lucchese della Gragnano Gesam salgono Andrea Toniati (Zalf Euromobil désirée Fior) e Simone Bernardini (Malmantile Gaini)

PINAGLIA FIRENZE EMPOLI

Empoli (21/2) - L’anno scorso Thomas Pinaglia, venticinquenne lucchese di Montecarlo, aveva battuto il gruppo degli inseguitori a conclusione della Firenze-Empoli, ma davanti a lui si erano già classificati due atleti per cui a Pinaglia rimase la medaglia di bronzo. Questa volta non ce ne è stata per nessuna, e con una magistrale volata il lucchese della Gragnano Gesam guidato da Marcello Massini, ha conquistato la ventottesima edizione della Firenze-Empoli-Gran Premio Banca di Cambiano, classica di apertura della stagione in Toscana. Nulla da fare per i pur bravi e forti Toniatti e Moscon della Zalf Euromobil désirée Fior e per il bravissimo Bernardini, così come per il livornese Raffaele, tutti velocisti quotati.

Lo spunto negli ultimi 50 metri e la progressione di Pinaglia, sono stati fantastici per andare a cogliere un successo dopo una gara incertissima e combattuta fino alla fine e con un gruppo di una ventina di corridori rimasti sulla testa dopo lo strappo della “Casetta” a cinque chilometri dall’arrivo.

La Firenze-Empoli risparmiata dalla pioggia dopo le apprensioni del mattino e svoltasi in un pomeriggio freddo, ha visto al via da San Barolo a Cintoia (periferia di Firenze) 180 corridori di 26 squadre con la presenza di Matteo Miano, nipote di Alfredo Marini che per tanti anni è stato l’immancabile mossiere della corsa. Il via stavolta è stato dato dal presidente del Comitato Regionale Toscano di ciclismo Giacomo Bacci, dal consigliere nazionale del Coni Eugenio Giani, da Fabrizio Biuzzi assessore allo sport del Comune di Empoli e naturalmente da Renzo Maltinti presidente della società empolese organizzatrice.

Una fuga di cinque atleti propiziata da Grazian dopo 26 Km e sostenuta anche da Velasco, Ciccone, Rotondi e Pugliese è stata annullata al Km 80. Quindi hanno provato in 13, poi in sette, ma a 14 Km dall’arrivo il gruppo è tornato compatto con grande lavoro della Zalf. In salita non è successo nulla nonostante qualche uscita. Alla fine il gruppo ha perso varie unità e nonostante l’ultimo tentativo di Pacinotti neutralizzato a 400 metri dall’arrivo, è stata una volata affollata a decidere la gara. E Pinaglia ben sostenuto dai compagni (attivo il moldavo Rusnac) ha compiuto un vero e proprio capolavoro.

Antonio Mannori

Ordine d’arrivo: 1. Thomas Pinaglia (Gragnano Gesam) Km 134, in 3h21’15”, media 40,200; 2. Andrea Toniati (Zalf Euromobil désirée Fior); 3. Simone Bernardini (Malmantile Gaini); 4. Gianni Moscon (Zalf Euromobil désirée Fior); 5. Angelo Raffaele (Big Hunter Seanese); 6. Corrà; 7. Albanese; 8. Giustino; 9. Martinez; 10. Marcolin.