Sezioni: Strada Pista Fuoristrada Ciclocross Amatoriale Tutte le notizie

CERCA:      

NOTIZIARIO ON LINE DELLA FEDERAZIONE CICLISTICA ITALIANA: ATTIVITA' CCLOCROSS
PAGINA: 18
06/12/2013
FESTE E PREMI: Il ciclismo abruzzese ha reso omaggio ai suoi campioni
06/12/2013
FESTE E PREMI: Gran Galà del Ciclismo Bolognese a Calcara
06/12/2013
CICLOCROSS UCI: Nell’Internazionale di Faé sfida tra Franzoi e Mourey
05/12/2013
GIRO D’ONORE: Il ciclismo che guarda al futuro è sfilato a Roma
05/12/2013
CICLOCROSS: Laureati i campioni calabresi a Castrolibero
05/12/2013
CICLOCROSS: Il punto a metà stagione 2013-2014
04/12/2013
CICLOCROSS: Torna il Trofeo Triveneto con la tappa regina di Faè di Oderzo
03/12/2013
CICLOCROSS: Lo spettacolo del Giro si trasferisce a Rossano Veneto con diretta Rai
03/12/2013
CICLOCROSS: Torna in grande stile il Trofeo Metabos Fidas a Metaponto
01/12/2013
CICLOCROSS: Enrico Franzoi domina a Silvelle nel nome di Armando Zamprogna
Vai a pagina :
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62 

Share |


06/12/2013 19.59.54
FESTE E PREMI: Il ciclismo abruzzese ha reso omaggio ai suoi campioni

Il saluto del presidente FCI Renato Di Rocco, la rappresentanza delle Fiamme Azzurre, l’addio alle gare di Alessandra D’Ettorre – Plauso per gli iridati Chiara Ciuffini, fratelli Pizzi, società, giovani e master di tutta la regione

Sulmona (AQ) - Il ciclismo abruzzese ha salutato il 2013 con la sfilata dei campioni che hanno portato al centro dell’attenzione il movimento regionale durante l’anno nelle discipline strada, pista, mountain bike, ciclocross e paraciclismo. Un evento molto atteso, come ha testimoniato la massiccia presenza delle personalità e degli atleti invitati, che hanno sfidato le condizioni metereologiche difficili, causate dalle copiose nevicate di fine novembre e dalla pioggia, pur di essere presenti all’interno del Cinema Pacifico nel centro di Sulmona (nelle foto in alto, a sx: Di Rocco premia gli esordienti e allievi; a dx: Ranalli e Marrone). Nonostante le attuali difficoltà economiche e la tendenza in decrescita, l’Abruzzo ha saputo mantenere inalterati i numeri rispetto agli anni precedenti tra tesserati (127 società e 2386 atleti suddivisi tra le categorie agonistiche, amatoriali e giovanili), attività e manifestazioni svolte sul territorio (105 in totale di cui 27 riservate ai giovanissimi, 20 alla mountain bike; Chieti e L’Aquila le province con 32 gare disputate ciascuno) individuando nelle famiglie il valore aggiunto di una grande catena di volontariato e di forze in campo per rafforzare e sostenere l’intero movimento ciclistico.
Il primo cittadino di Sulmona, Giuseppe Ranalli, si è complimentato con tutti gli atleti e le società presenti facendo leva sul contesto di festa e di richiamo che è alla base del ciclismo sottolinenando i sacrifici e la tenacia indispensabili per emergere specialmente a livello giovanile.
Spazio alla lunga sfilata per i ciclo-master, esordienti, allievi, juniores, under 23, élite e giovanissimi con una menzione speciale per il gruppo delle Fiamme Azzurre (foto in basso), che ha conquistato 13 podi tricolori tra pista e cronometro individuale: premiati il responsabile del settore ciclismo Sergio Tranquilli, il commissario-responsabile delle attività sportive Marcello Tolu, gli atleti Tatiana Guderzo, Monia Baccaille, Angelo Ciccone e Marta Bastianelli che ha annunciato di essere in dolce attesa,
Pregevole l’intervento di Marcello Tolu, che ha sottolineato il grande impegno dei gruppi sportivi legati alle Forze Armate verso le attività sociali grazie alla nascita del progetto Sport in Carcere diretto al miglioramento della condizione carceraria e del trattamento dei detenuti attraverso la pratica e la formazione sportiva con la recente firma del Protocollo d’Intesa siglato dal Ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, e dal Presidente del CONI, Giovanni Malagò.
Lo stesso Tolu ha annunciato anche l’avvio di un altro progetto per la creazione di un settore giovanile delle Fiamme Azzurre, con base a Sulmona, a partire dal prossimo anno.
Passerella e tanti applausi anche per la campionessa del mondo master UCI Chiara Ciuffini (titolo conquistato il 22 settembre scorso nella Charly Gaul Trento-Monte Bondone), oltre ad alcuni rappresentanti del gruppo Forestale, la gloriosa società in cui hanno fatto parte l’ex campione del mondo dilettanti 1968 Vittorio Marcelli, l’attuale commissario tecnico della nazionale italiana del paraciclismo Mario Valentini e ad oggi Luca Pizzi (medaglia d’oro in linea e d’argento nella cronometro alle Paralimpiadi di Londra 2012 nel tandem con il fratello Ivano) e un’emozionatissima Alessandra D’Ettorre.
Non sono mancate le lacrime per l’atleta aquilana che ha annunciato definitivamente l’addio alle corse dopo 22 stagioni alla conquista di tutti i più prestigiosi titoli in campo ciclistico (mondiale, europeo, italiano e la partecipazione alle olimpiadi di Pechino nel 2008).
Per rivivere le emozioni e i momenti salienti del gran galà 2013 del ciclismo abruzzese basta sintonizzarsi sull’emittente TVQ (canale 19 del digitale terrestre) con uno speciale di 30 minuti circa all’interno del programma Ultimo Km con interviste e contributi realizzati da Marco Romani in onda alle 23:00 di domani, sabato 7 dicembre.
Anche sul web, al sito di Rete 8, è disponibile una sintesi andata in onda nel tg sportivo al link GRAN GALA ABRUZZO
Elenco completo atleti premiati al link I PROTAGONISTI

LE INTERVISTE
Renato Di Rocco, presidente della Federazione Ciclistica Italiana: “L’Abruzzo è una regione che sa coniugare al meglio la pratica del ciclismo con le bellezze naturali e paesaggistiche tra mare, colline, parchi e montagne che hanno consacrato le grandi imprese delle due ruote. La bicicletta come mezzo di trasporto e la pratica del ciclismo stanno vivendo una seconda stagione per quanto le due ruote hanno segnato positivamente il panorama nazionale. Il progetto di Marcello Tolu a favore dei giovani ci inorgoglisce perchè le strutture ci sono e la forza penitenziaria ci crede. Sono rimasto molto colpito dalla cornice di festa e dall’attenzione che la città di Sulmona ha riservato per questo appuntamento di fine anno con i ciclisti abruzzesi. Sono molto grato a Mauro Marrone che ha concluso il suo primo anno di presidenza in maniera impeccabile e al suo staff perchè i risultati sono il frutto del lavoro organizzativo da parte delle società e dei genitori”.
Camillo Ciancetta, consigliere nazionale della Federciclismo ed ex presidente FCI Abruzzo: “La festa regionale del ciclismo abruzzese è un atto dovuto verso gli atleti e le società coinvolte nel mondo del ciclismo. Come consigliere nazionale sono sempre grato, nel mio ruolo mi muovo a 360 gradi ma un pezzo di cuore rimane sempre nella mia regione. È un momento di crisi nello sport e nell’economia ma i programmi si fanno lo stesso con l’obiettivo di dare un po’ di sollievo alle società e a coloro che praticano il ciclismo. Stiamo cercando di venire incontro a questo tipo di problemi ma voglio congratularmi con l’Abruzzo che ha saputo mantenere i numeri e i dati degli anni precedenti”.
Mauro Marrone, presidente della Federciclismo Abruzzo: “La festa di fine anno è stata un momento di incontro e di scambio ma sono rimasto meravigliato nel vedere una grossa partecipazione con un teatro pieno in ogni ordine di posto. Per un presidente regionale, al primo anno di attività, è un motivo di grande soddisfazione e sono fiducioso per il 2014. Vogliamo tornare a crescere con politiche mirate ad aiutare le società ad organizzare le gare mentre quelle che fanno attività a far crescere il numero dei tesserati. Stiamo lavorando, per quello che è possibile, nel nostro campo di azione, facendo attenzione anche sul lato economico. I tagli di spesa sono una questione importante al giorno d’oggi a fronte della carenza di risorse da parte delle amministrazioni. Lo sport si basa sul volontariato grazie alla presenza attiva delle famiglie. L’unione e la collaborazione sono alla base per un avvenire sempre più florido e soddisfacente per il nostro ciclismo regionale”.
Fernando Ranalli, presidente del comitato provinciale FCI L’Aquila: “La città di Sulmona ha risposto con la presenza di tanti appassionati, dei campioni della nostra regione abruzzese e delle Fiamme Azzurre. Tutto merito dell’amministrazione comunale con il sindaco Giuseppe Ranalli, il vice sindaco Luciano Marinucci e il consigliere Roberta Salvati che ci hanno messo a disposizione il Cinema Pacifico. È stato un onore aver coinvolto i Lions Club che mi hanno dato un enorme sostegno nelle premiazioni e nei riconoscimenti agli atleti oltre a Giovanni Cirillo della ditta ISE. Siamo riusciti a coinvolgere tante persone e spero sia una ventata di ottimismo e di fiducia per il futuro del ciclismo in Abruzzo”.
Raffaele Di Vito, Governatore del distretto 108A (Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia) dei Lions (associazione di club per l’assistenza umanitaria): “La mia presenza a Sulmona è stata un motivo di orgoglio perché sono un ciclista della domenica sotto i 50 chilometri oltre a rimanere colpito da tutta questa attenzione ed entusiasmo verso la festa del ciclismo regionale. Sulmona è da sempre vicina allo sport e in modo particolare verso gli atleti diversamente abili che, ad oggi, gareggiano con la divisa del Lions Club”.
Enzo Imbastaro, presidente del CONI regionale Abruzzo: “La festa regionale del ciclismo è frutto del matrimonio fra varie associazioni sportive e non del territorio di Sulmona che hanno permesso la realizzazione di questa bella manifestazione che celebra ogni anno i campioni delle due ruote. La presenza del presidente nazionale FCI Renato Di Rocco è molto significativa in quanto è sempre molto attento alle problematiche del ciclismo abruzzese”.
Mario Valentini, cittì dell’Italia nel paraciclismo: “A Sulmona c’è sempre fermento per il ciclismo e lo sport in generale. Ci stiamo attivando con la Casa di Cura San Raffaele che ha dato la propria disponibilità a portare avanti un progetto congiunto tra il Comitato Italiano Paralimpico e l’Inail verso quelle persone meno fortunate con lo scopo di avviarli alla pratica sportiva. La festa del ciclismo abruzzese è stata un’indimenticabile passerella di atleti del passato oltre alla curiosità di conoscere i giovani che sono il futuro di questa disciplina. Non dimentichiamoci delle Fiamme Azzurre e della Forestale che, con la loro storia e l’instancabile attività in tutti i settori del ciclismo, hanno permesso di far lavorare un gran numero di persone”.
Alessandra D’Ettorre, di Castelvecchio Calvisio (L’Aquila), campionessa del mondo juniores in linea nel 1996, under 23 nel 2000, tricolore su pista nel 2006 (scratch e corsa a punti): “La tristezza è tanta dopo aver trascorso 22 anni in gruppo. Una decisione sofferta ma al tempo stesso serena perchè è giusto che nella vita si devono fare delle scelte. Per fortuna passerò da una divisa a un’altra come quella della Forestale che indosso ma per lavoro. Ho smesso di correre da poco più di un mese ma il ciclismo rimarrà nel mio cuore a vita e mi ha fatto piacere essere in questo contesto di festa in cui tutti noi ci sentiamo importanti e ci meritiamo un riconoscimento”.
Luca Pizzi, di Lanciano (Chieti), ex dilettante, dal 2009 guida del fratello Ivano nel tandem specialità nella quale sono anche campioni del mondo: “Io e Ivano siamo abruzzesi doc e onorati di partecipare a questo evento che si svolge una volta l’anno nella nostra regione anche se apparteniamo al Corpo Forestale dello Stato. Abbiamo accettato con piacere l’invito del presidente della Federciclismo L’Aquila Fernando Ranalli sempre presente nei nostri ritiri a Roccaraso e a Ovindoli. Il paraciclismo sta conquistando tante medaglie negli ultimi anni nonché siamo il fiore all’occhiello della Federazione Ciclistica Italiana. Il 2014 sarà una stagione importante per noi in quanto dobbiamo proiettarci verso le Paralimpiadi di Rio 2016 e guadagnarci i punti di qualificazione tra le prove di Coppa del Mondo distribuite tra Europa e Canada a partire dal mese di maggio senza dimenticare la rassegna iridata di fine agosto negli Stati Uniti”.
Tatiana Guderzo, di Marostica (Vicenza), pluritricolore tra pista e cronometro, iridata 2009 a Mendrisio e bronzo olimpico a Pechino 2008: “È stata un’annata molto proficua nella quale sono riuscita a portare a casa due maglie tricolori nell’inseguimento a squadre e nella cronometro individuale con le Fiamme Azzurre oltre a un secondo posto al Giro d’Italia che mi ha veramente soddisfatto. Gareggiamo all’estero e in tutta Italia ma nel periodo in cui siamo in pausa abbiamo l’occasione e l’onore di salutare i nostri colleghi di Sulmona e tutte le persone che ci sostengono. Un grazie a loro per averci invitato, al sindaco e alle amministrazioni. Ora comincia il programma invernale con la preparazione in palestra alternata a qualche uscite in bicicletta, poi a febbraio si parte per il Qatar, passando per le classiche del nord e a fine anno il mondiale”.
Marta Bastianelli, di Lariano (Roma), campionessa del mondo 2007 a Stoccarda in Germania, vice iridata juniores nel 2004 a Verona: “Un bilancio abbastanza positivo, ogni anno siamo ben lieti di partecipare a questa manifestazione perché ci danno la giusta importanza in queste occasioni. Per il momento mi fermo perché sono incinta ma ho intenzione di riprendere abbastanza presto una volta terminata la gravidanza con i tricolori su pista, qualche gara su strada in maniera tranquilla. Ho un legame particolare con l’Abruzzo perché sono fidanzata con Roberto De Patre professionista con la Vini Fantini. Il prossimo anno siamo in procinto di sposarci a Roma ed abbiamo scelto di vivere in provincia di Teramo nel Vomano. Sono molto lieta di dare questo annuncio a Sulmona, guarda caso, la patria dei confetti”.
Monia Baccaille, di Marsciano (Perugia) campionessa italiana su strada nel 2009 e nel 2010, azzurra alle Olimpiadi di Londra 2012, mamma della piccola Aurora nata nel mese di febbraio: “Disputare l’Olimpiade è stato più che un sogno, perché la rassegna a cinque cerchi è l’obiettivo principale di ogni atleta ed è una gara a parte. Mi sono fermata per la nascita della bambina, piano piano sono rientrata in gruppo correndo i campionati italiani in pista. Con poche corse disputate è ancora presto parlare di obiettivi per il prossimo anno”.
Angelo Ciccone, di Cento (Ferrara), plurimedagliato su pista tra campionati italiani ed europei: “Non sono riuscito a riconfermare il titolo tricolore perché un infortunio mi ha fermato dal mese di maggio in poi. La stagione è iniziata abbastanza bene con un quarto posto ai campionati del mondo. Spero di riniziare l’anno agonistico senza i postumi dell’infortunio. La sicurezza che ci dà l’amministrazione comunale di Sulmona è tantissima come appartenenti al gruppo delle Fiamme Azzurre e cerchiamo di contracccambiare la fiducia con i risultati. L’età comincia a farsi sentire, gli obiettivi sono altri ed essendo in polizia penitenziaria riusciamo a conciliare tutto nel migliore dei modi”.

Luca Alò



Vai a pagina :
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29  30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59  60  61  62