"Tutte le salite del mondo" diario di uno sportivo militante

Proposte culturali

6A00e54feeaccb883301a511ce8155970c Pi

18/06/2014 - E' uscito in questi giorni il volume di Riccardo Barlaam, giornalista e scrittore, che ha fatto delle gare di resistenza il motore per trovare la forza interiore nella vita di tutti i giorni

Sport militante. Lo sport come terapia. Per avere più forza ad affrontare la vita quotidiana e cercare di essere una persona migliore. “Tutte le salite del mondo” di Riccardo Barlaam è l’autoritratto di un giornalista scrittore che ha fatto delle gare di resistenza il motore per trovare la forza interiore nella vita di tutti i giorni. Una riflessione sul significato vero dello sport come ricerca dei propri limiti, fisici e interiori. E’ il racconto di un progetto che nel 2013, in pochi mesi, ha impegnato l’autore in nove sfide estreme, tra cui la maratona di Barcellona, un mezzo Ironman e le tre granfondo di ciclismo più dure in assoluto: la Marmotte sulle salite del Tour de France, la Trento-Monte Bondone salita di Charly Gaul, l’angelo della montagna e la temibile Oetztaler Radmarathon, nel tirolo austriaco, tutte e tre con oltre 5000 metri di dislivello. Con tante salite e tante storie in mezzo: Stelvio, Mortirolo, Mont Ventoux, Monte Grappa, Cuvignone, Ghisallo, Mottarone, Pordoi. Le salite da conquistare su strada montando una bici, ma anche le salite che stanno dentro di noi, da affrontare e cercare di superare ogni giorno.
Tutte le salite del mondo di Riccardo Barlaam, Ediciclo pag. 272 - euro 14,90