Standard qualitativi produzioni televisive Rai

Cda Rai

La Federazione Ciclistica Italiana ha rinnovato l’accordo con Rai riguardante l’inserimento nel palinsesto televisivo dei canali sportivi Rai sul digitale terrestre delle manifestazioni internazionali e nazionali di ciclismo su Strada, Fuoristrada e Pista. L’inserimento delle immagini è subordinato alla accettazione da parte degli organizzatori degli standard qualitativi fissati dalla Redazione di RaiSport. La produzione televisiva è affidata alle Società Organizzatrici e, per esse, alle Agenzie di Produzioni Televisive cui ciascuna Società può affidarsi.

A) PREMESSA

1.Il formato dei filmati dovrà essere realizzato da una Agenzia di Produzioni Televisive in grado di predisporre un prodotto compatibile con le esigenze tecniche richieste dalla RAI.

2.L’Agenzia di Produzione Televisiva dovrà essere incaricata direttamente dalla Società organizzatrice, la quale dovrà anche assumersi le spese, di qualsiasi natura e genere, del prodotto realizzato. La FCI pertanto non sarà responsabile in alcun modo di eventuali controversie, di qualsiasi natura (economica, tecnica, organizzativa o altro), che dovessero insorgere tra la Società organizzatrice e l’Agenzia di Produzione Televisiva e la RAI.

B) REQUISITI TECNICI DEI SERVIZI

1.La durata del filmato (standard 10-15 minuti, durata maggiore da concordare con Raisport) deve essere esclusivamente quella richiesta: la FCI non risponde in alcun modo per eventuali conseguenze (tra le quali anche la mancata messa in onda del filmato) determinate dal mancato rispetto di tale disposizione.

2.Il filmato, categoricamente in formato HD - SDI 1920x1080 interallacciato 25FPS su supporto XDCAM HD, dovrà pervenire o su cassetta all’indirizzo di Raisport Milano – alla cortese attenzione di Franco Bortuzzo, Corso Sempione 27, 4° piano, oppure mediante cartella condivisa in FTP, i cui dati identificativi dovranno essere inviati mediante e-mail ai seguenti indirizzi: franco.bortuzzo@rai.it; cesare.digesaro@rai.it e c.c. alessandro.fabretti@rai.it. Di tale impegno è fatta carico la Società organizzatrice. Sia il segnale televisivo che gli eventuali materiali filmati dovranno essere conformi agli standard internazionali di qualità ed essere puliti (clean feed, senza incrostazioni pubblicitarie e/o altra pubblicità virtuale, di qualsiasi genere e tipo), dotati di audio internazionale ed idonei per la trasmissione e ritrasmissione nell’ambito dei canali RAI. Le immagini dovranno essere corredate di tutte le informazioni necessarie per consentire il commento giornalistico.

3.In caso di diretta televisiva ovvero in differita nell’arco della stessa giornata della gara, il regista, la grafica e la predisposizione della stazione satellite saranno di esclusiva competenza delle Società Organizzatrici, che si impegnano a sostenere i costi relativi all’energia elettrica e a garantire i seguenti standard minimi di alimentazione della stazione satellite: trifase - potenza 7 Kw - 32 A - spina tipo Palazzoli pentapolare 3P + N + T; Monofase - potenza 7 Kw - 32 A - spina tipo Palazzoli tripolare IP + N +T. L’organizzatore si impegna a mettere a disposizione della RAI, su richiesta di quest’ultima, una postazione di cronaca allestita in linea con gli standard tecnici internazionali per il commento del giornalista RAI, secondo le indicazioni che saranno fornite direttamente da Raisport.

4.Il filmato dovrà offrire in maniera esauriente e con successione cronologica, la sintesi della gara dal momento immediatamente precedente alla partenza della gara fino al suo arrivo, includendo eventuale cerimonia di premiazione. Il filmato dovrà essere sonorizzato riportando esclusivamente i rumori di fondo naturali d’ambiente, mentre non dovranno essere previsti in alcun modo commenti in voce né dovranno essere inseriti brani musicali.

5.E’ consentita una cartolina di apertura riguardante esclusivamente ed unicamente l’ambiente di gara, per una durata non superiore ai 15 secondi.

6.La Redazione RAISPORT dovrà essere messa in condizione di commentare dettagliatamente le fasi di gara, per questa ragione il filmato dovrà essere completato da una idonea documentazione riguardante elenco partenti, ordine d’arrivo, comunicati stampa, percorso dettagliato, illustrazione della zona, albo d’oro, story board del filmato ed ogni altro documento ritenuto utile. Tutta la documentazione dovrà essere inviata a mezzo posta elettronica ai seguenti indirizzi: franco.bortuzzo@rai.it; cesare.digesaro@rai.it e c.c. alessandro.fabretti@rai.it e marketing@federciclismo.it.

C) MANCATA MESSA IN ONDA

  1. In mancanza dei requisiti sopradescritti, la Redazione RAISPORT potrà, a suo insindacabile giudizio, stabilire la esclusione, parziale o totale, dalla messa in onda delle immagini di gara. Di tale esclusione, per qualsiasi ragione o avvenimento essa avvenga, non sarà responsabile la FCI sulla quale quindi la Società organizzatrice non potrà a nessun titolo rivalersi.
  2. È insindacabile facoltà della RAI esercitare i diritti acquisiti compatibilmente alle proprie esigenze istituzionali e di palinsesto, senza alcun obbligo di trasmissione e senza che da parte Federazione e degli organizzatori possa avanzarsi pretesa alcuna in tal senso.