Michele Scartezzini

È garanzia di affidabilità, testimoniata dalle medaglie collezionate con la pista. Ed è sempre pronto a dare il massimo

Michele Scartezzini

Michele Scartezzini è uno dei quattro moschettieri azzuri, che ad Hong Kong e Berlino si sono presi ben due medaglie. Riservato, solare e sempre pronto a dare il massimo, negli ultimi anni il talento classe 1992 è diventato un elemento irrinunciabile per Marco Villa e la sua nazionale. Perché la pista è ormai una declinazione irrinunciabile del suo talento sulle due ruote. È una garanzia di affidabilità, testimoniata dalle medaglie collezionate nella disciplina. "Faccio tanti sacrifici durante l'anno, sono sempre pronto a dare il massimo e ad aiutare i miei compagni a raggiungere ogni obiettivo".

Oltre al ciclismo, Michele è appassionato di tennis: gli capita spesso di sfidare l'amico Elia Viviani. Amico, "rivale" ma anche compagno, con il quale infatti quest'anno ha corso la "Sei Giorni di Gand". Ascolta musica ed è "social", nonché amante dell'ordine. E sicuramente, mettere in ordine tutte le medaglie che ha vinto e continuerà a vincere negli anni, gli regalerà tante soddisfazioni.

Filippo Ganna, Liam Bertazzo, Simone Consonni e Francesco Lamon in lotta per la medaglia nell'Inseguimento a squadre

MEDAGLIA D'ARGENTO

Campionato Europeo pista (Berlino) - Inseguimento a squadre

MEDAGLIA DI BRONZO

Campionato del Mondo pista (Hong Kong) - Inseguimento a squadre

Qui la sezione con tutti gli atleti premiati quest'anno.