Andrea Bianciotto

Per praticare downhill non basta amare la bici, bisogna esserne innamorati pazzi. O forse essere innamorati e pazzi

Bianciotto

Per praticare downhill non basta amare la bici, bisogna esserne innamorati pazzi. O forse essere innamorati e pazzi. Rocce, radici, gradoni, salti, velocità, numerose cadute e lividi semi permanenti: in una parola sola, adrenalina. E Andrea Bianciotto lo sa bene. “Quando si corre è sempre un'emozione. Ma in Italia, l'adrenalina che si prova è uno stimolo a fare ancora meglio". Classe 1999, originario di Pinerolo e tricolore tra gli allievi nel 2015, agli Europei di Sestola si è conquistato il terzo gradino del podio junior, un traguardo straordinario a cui ancora non riesce a credere: "Sono contentissimo. Un risoltato prezioso che porterò con me per sempre".

Alcuni frammenti delle prove continentali di Sestola

MEDAGLIA DI BRONZO

Europei Downhill (Sestola) - Prova Juniores

Qui la sezione con tutti gli atleti premiati quest'anno.