11 Luglio Lug 2017 0809 2 months ago

LUTTO: Addio Erminio Bolgiani, gentiluomo del ciclismo

Godeva della fiducia dei corridori e dell’amicizia di Ernesto Colnago, negli ultimi anni è stato a fianco di Eva Lechner

Bolgiani

Milano (11/7) - Si è spento ieri all’ospedale Niguarda di Milano, Erminio Bolgiani. Era stato ricoverato a seguito del malessere che lo aveva colpito da qualche giorno mentre si recava ad acquistare i giornali in bicicletta a Cusano Milanino.

Nato a Milano nel 1939, tratti e atteggiamenti da gentiluomo vecchio stampo, è stato sempre appassionato di ciclismo e in qualità di direttore generale del Gruppo Sportivo Max Mayer si era guadagnato la fiducia e l’amicizia dei corridori e, in particolare, di Ernesto Colnago e della famiglia.

Negli ultimi tredici anni è stato pure a fianco di Eva Lechner, sempre nell’orbita Colnago, sempre un po’ defilato, con la bolzanina, distinta da classe eclettica e polivalente espressa con la sua attività crossistica, di biker con la mtb e pure su strada. Un’intensa, straordinaria, attività che ha fruttato alla causa medaglie e maglie a profusione.

Le esequie sono previste per mercoledì 12 luglio, alla chiesa di San Martino di Cusano Milanino alle ore 16,30.

Alla moglie, la signora Benedetta, al figlio Cristiano e ai famigliari le più sentite condoglianze del presidente della FCI Renato Di Rocco anche a nome del movimento ciclistico italiano.