14 Dicembre Dic 2015 1146 one year ago

Distintivo Collare d'Oro al Merito Sportivo: Giovanni Lombardi

"Mi dicevo sempre: ricordati che è meglio di dieci o dodici ore sul trattore. Così decisi che il ciclismo sarebbe diventato il mio lavoro"

C154096b 777C 46B8 881A Cb0b59f0296e Large

“Dopo quel giorno il ciclismo è diventato a tutti gli effetti il mio lavoro. Prima ero solo un ragazzo che si divertiva ad andare in bici”. Giovanni Lombardi racconta così l’emozione di aver vinto l’Oro nella corsa a punti alle Olimpiadi di Barcellona, nel 1992. Un ragazzo eclettico ma con i piedi per terra, nato e cresciuto in campagna, con il futuro già scritto.

Ma in sella alla sua bici, decise di virare: “Ho avuto tanta fortuna, da ragazzino con un amico provavo sprint per gioco sulle strade piatte del Pavese. Facevo tutte le mosse per copiare i veri ciclisti, quelli visti in tv al Giro e al Tour. Poi decisi che quella era la mia strada. La campagna non era per me. Per quanto io abbia faticato in bici mi dicevo sempre, ricordati che è meglio di dieci o dodici ore sul trattore”.

A 37 anni scese dalla bici ma non lasciò il ciclismo, diventando anche Commissario Tecnico della Nazionale argentina e manager di atleti del calibro di Ivan Basso e Peter Sagan.

1403099021943869Giovannilombardi

Qui la sezione dedicata a tutti gli insigniti di quest'anno.