25 Novembre Nov 2015 1016 one year ago

Distintivo Collare d'Oro al Merito Sportivo: Marino Vigna

Da corridore "non vinsi molto, ma vinsi bene", da tecnico invece conquistò di tutto. Una vita, la sua, all'insegna delle due ruote

05

Una vita dedicata al ciclismo, dalla vittoria alle Olimpiadi di Roma nel '60 ai successi da professionista. E ancora, a soli 28 anni, direttore sportivo dello squadrone della Faema capitanata dal campione del mondo Eddy Merckx. Ma non è tutto: CT della pista, vice di Alfredo Martini in tanti mondiali da Ostuni a Benindorn, presidente della Commissione Tecnica della Lega Ciclismo.

“Le due ruote sono state la mia vita” racconta commosso Marino Vigna. E ancora: “Da corridore non vinsi molto, ma vinsi bene”, come in quella Olimpiade dove raccolse l’Oro nell’Inseguimento a Squadre assieme ai compagni di squadra Franco Testa, Luigi Arienti e Mario Vallotto. Poi, sceso dalla bicicletta, salì immediatamente su un’importante ammiraglia: la Faema con Merckx e Adorni.

Nonostante fosse addirittura più giovane di qualche suo atleta dimostrò una grande capacità di gestione della squadra, e in quegli anni vinse di tutto: Giro d’Italia, Tour De France, Campionato del Mondo e Classiche. “Ho insegnato a Merckx ad andare... piano”. Sembra un eufemismo, ma chi ha vissuto quegli anni ricorda chiaramente un cambiamento nella gestione delle gare a tappe da parte del campione belga: imparò anche a risparmiare le energie, per affrontare i momenti cruciali della gara.

E oggi, chi è Marino Vigna? “La mia passione non mi consente di stare lontano dal mondo delle due ruote, attualmente sono il presidente della Commissione Tecnica della Lega Ciclismo”.

Qui la sezione dedicata a tutti gli insigniti di quest'anno.